Venerdì 23 Aprile 2004

Cresce l’attesa per la rivincita tra Messi e il francese Bouzid

Il piatto forte della mega riunione della Bergamo Boxe di venerdì sera al palasport di Bergamo sarà senza dubbio la rivincita per il mondialino Wba dei pesi welter tra il detentore Mustafa Bouzid ed il nostro Luca Messi, ma prima di questa vivremo una lunga serie di altri match di grande spessore.

Tanto per cominciare non poca attesa e molto interesse suscita la sfida per la conquista del titolo europeo, pesi leggeri, di kick boxing tra la bergamasca Chiara Mandelli e l’ungherese Linczmayer: uno scontro che promette scintille e potrebbe aprire la porta ad un doppio successo internazionale per lo sport orobico.

Chiara s’è preparata a puntino, vuole, convinta della sua bravura e grinta, la corona continentale, sa di trovarsi ad un bivio molto importante della propria carriera, per cui nulla lesinerà pur di arrivare al successo, confidando che il pubblico cittadino la sosterrà fino in fondo.

Il presidente Gentile infatti ci crede: «Pagherei di persona pur di assaporare domani sera la gioia di un doppio trionfo. Sappiamo tutti che sia Chiara che Luca troveranno sulla propria strada due avversari molto agguerriti, ma posseggono i numeri, le qualità, la forma mentale per arrivare al traguardo vittoriosamente. Fin dalle prime battute dell’organizzazione li ho voluti insieme sullo stesso quadrato, perchè convinto di poter rendere felice il pubblico bergamasco che mai ci abbandona e merita proprio per questo spettacolo e gioia. Ormai tutto è pronto per una giornata che può veramente diventare indimenticabile, storica».

In effetti Gentile ancora una volta è riuscito a confezionare una serata senza uguali. Abbiamo detto di Messi e Mandelli, ma il presidente ci presenta con orgoglio pure il resto: «Nessuno in Italia è capace di proporre tanti campioni insieme. Orlando è stato campione internazionale ed italiano dei welter, Imparato lo stesso tra i super medi, Tuiac è tra i migliori super leggeri, Salama forse il giovane più interessante a livello europeo: tutti combatteranno contro avversari stranieri di assoluto rispetto. In altre parole chi alle 20 di domani entrerà al palasport vivrà una serie infinita di match altamente spettacolari».

(28/04/2004)

u.negrini

© riproduzione riservata

Tags