Foppa troppo forte per Maiorca Cinque a zero

Foppa troppo forte per Maiorca Cinque a zero

Oltre che un bel momento di ottima pallavolo, la visita delle spagnole dell’Icaro di Palma di Maiorca per l’amichevole con la Foppapedretti è anche occasione di un piacevole revival. C’è Maurizia Cacciatori, gran donna, nelle vesti di direttore sportivo, e questo si sapeva. Ma l’album della nostalgia non si ferma qui. Lo sfogli e trovi un’altra pagina densa di ricordi: nelle file del team iberico gioca infatti Marcela Ritschelova, non dimenticata protagonista dello scudetto foppesco del 2002, proprio insieme con Mau. La ceca non è sola: suo marito, Carlo Festa, conosciuto a Reggio Calabria, guida la squadra dalla panchina. Insieme, i due hanno fatto un maschietto, che ha poco meno di un anno.

Anche Dorota Swieniewicz è neo mamma: prima di diventarlo è stata per anni una delle colonne della Despar Perugia; oggi, che di anni ne ha 35 nascosti dietro un fisico di ventenne, porta acqua al mulino di questa multinazionale delle Baleari. E la loro parte la fanno anche altre vecchie conoscenze del nostro campionato: la franco-polacca Kinga Maculewicz, una vita fra Spezzano, Forlì, Pesaro; la palleggiatrice brasiliana Gisele Florentino, campionessa d’Europa a Cannes prima dell’annus horribilis di Forlì; la portoricana Aurea Cruz, con esperienze a Tortolì e Altamura e nel mirino della Foppa la scorsa estate prima di finire al sole del Mediterraneo.

Che poi sul campo questa multinazionale mostri una preoccupante fragilità poco ci interessa: semmai, sarà motivo di riflessione per Cacciatori e i suoi collaboratori. Ai quali forniamo un alibi: non è detto che questa fragilità non sia da mettere in stretta relazione con la forza della Foppa, protagonista di un’eccellente partita, prolungata dopo il canonico 3-0, per accordo sul campo fra i due tecnici. Una coda senza veleno: anche il quarto set e il successivo «quindici» vanno ad arricchire la stanza dei tesori nella palazzina di via Albricci.

Il pomeriggio del Palasport si dipana fra attese conferme e piacevoli prese d’atto. Fra le quali segnaliamo un’ottima Arrighetti, subentrata nel corso del terzo set a una stratosferica Poljak, e un’altrettanto ottima Fiorin, in campo dall’inizio e su elevati livelli dalla prima all’ultima palla, ricezione compresa. Sicura del fatto suo anche Sorokaite nel ruolo di opposto. E i quattro punti della giovane Cagninelli vanno piacevolmente letti in prospettiva.Foppapedretti 5
Icaro Palma 0

Parziali: 25-20, 25-29, 25-20, 25-15, 15-13.
Foppapedretti: Lo Bianco 2, Piccinini 11, Barazza 8, Sorokaite 20, Fiorin 18, Poljak 13, Croce (L), Arrighetti 7, Gujska 3, Cagninelli 4. All. Micelli.
Icaro Alarò Palma de Mallorca: Florentino 3, Cruz 14, Maculewicz 8, Bia 4, Swieniewicz 7, Ritschelova 10, Lopez (L), Rodriguez 2, Marin 3, Nizetich 4, Camara 1. All. Festa.
Note: punti Foppa 86 (battuta 3, attacco 69, muro 14) più 29 errori avversari; punti Icaro 56 (battuta 2, attacco 49, muro 5) più 31 errori avversari. Battute sbagliate: 12-12. Durata set: 22’, 20’, 21’, 16’, 11’, totale 90’.

(18/01/2008)

© RIPRODUZIONE RISERVATA