Domenica 22 Febbraio 2004

Gautieri al 94’ fa volare l’Atalanta AlbinoLeffe sconfitto 2-1 a Firenze

ATALANTA - GENOA 1-0

Rete: 49’ st Gautieri.

Atalanta (4-3-3): Taibi, Rustico, Gonnella, Santos, Bellini, Montolivo (38’ st Smit), Bernardini, Marcolini, Gautieri, Pazzini (38’ st Saudati), Pinardi (25’ st Mingazzini). In panchina: Calderoni, Innocenti, Vugrinec, Della Rocca. All. Mandorlini.

Genoa (4-4-2): Scarpi, Foglio, Baldini, Gargo, Gemiti, Rossi, Zé Elias (26’ st Budel), Tedesco (44’ st Grieco), Cordone, Caccia (26’ st Bjelanovic), Milito. In panchina: Gazzoli, Villa, Ishizaki, Rebecchi. All. De Canio.

Arbitro: Brighi di Cesena.

Note - Angoli: 5-2 per il Genoa. Recupero: 1’ e 5’. Espulsi: al 23’ st Bellini per somma di ammonizioni. Ammoniti: Rustico, Smit, Tedesco per gioco scorretto, Caccia per comportamento non regolamentare, Bjelanovic per proteste. Spettatori: 10 mila

Grazie ad un gol segnato al 94’, ovvero all’ultimo minuto di recupero l’Atalanta vince contro il Genoa e rimane saldamente al primo posto della classifica. Ma sul risultato e sull’intera economia della partita ha pesato la conduzione di gara dell’arbitro Brighi. È stato infatti lui, in negativo, il vero protagonista della gara. Brighi, dopo aver espulso in modo affrettato per doppia ammonizione (23’ st), ha annullato un gol di Bjelanovic (27’ st) apparso regolarissimo, quindi (43’ st) un gol di Foglio su punizione deviata dalla barriera, infine una rete di Saudati (46’st) per fuorigioco. Risultato finale: 1-0 per l’Atalanta grazie una rete di Gautieri (gran sinistro al volo) giunta proprio alla scadere al termine di una gara che in tutto e per tutto sembrava ormai avviata al pareggio, nonostante fosse proprio il Genoa a meritare qualcosa di più. La partita, giocata su buoni ritmi, dopo un primo tempo equilibrato, ha visto nella ripresa un Genoa capace di imporre il suo gioco. Ma gli sforzi dei rossoblù di De Canio sono stati vanificati dalla giacchetta nera.

FIORENTINA - ALBINOLEFFE 2-1

Reti: nel pt 5 Graffiedi; nel st 11 Riganò, 34 rigore Possanzini.

Fiorentina (4-3-3): Cejas; Ariatti, Delli Carri, Lucarelli, Manfredini (23’ st Maggio); Di Livio, Fontana (41’ st Bacis), Piangerelli; Fantini, Riganò, Graffiedi (14’ st Vryzas). In panchina: Roccati, Rizzo, Camorani, Maspero. All. Mondonico.

AlbinoLeffe (4-4-2): Acerbis; R. Colombo, Gorini, Sonzogni, Regonesi; Raimondi, Del Prato, Poloni (40’ st Araboni), Gorzegno (18’ st Testini); Possanzini, Bonazzi (18’ st Gori). In panchina: Gritti, Zoboli, Ferrari, Morfeo. All. Gustinetti.

Arbitro: Carlucci di Molfetta.

Note - Angoli 8-3 per l AlbinoLeffe. Recupero: 4 e 4 Ammoniti: Delli Carri, Lucarelli, Araboni per gioco falloso, Fontana per proteste. Espulsi: pt 38’ Gorini per doppia ammonizione Spettatori: 23.000 circa.

La Fiorentina torna al successo dopo oltre un mese, superando 2-1 l’AlbinoLeffe, che ha giocato in inferiorità numerica dal 38’ del primo tempo in poi per l’espulsione di Gorini per doppia ammonizione. A regalare a Emiliano Mondonico la prima vittoria della sua ancora breve gestione sono stati Graffiedi, a segno dopo appena 5’, e Riganò all’11’ della ripresa mentre per l’AlbinoLeffe è andato in gol Possanzini su rigore al 33’ del secondo tempo. Per i viola la partita si è messa subito in discesa: Graffiedi, preferito inizialmente all’acciaccato Vryzas ha sbloccato il risultato dopo soli 5’. L’AlbinoLeffe, in emergenza per l’assenza di cinque giocatori, si è presentato col consueto 4-4-2 preferendo in porta Acerbis a Gritti e affidandosi in avanti a Possanzini coadiuvato da Bonazzi. Forte del vantaggio acquisito, la Fiorentina ha cercato più volte il raddoppio con Di Livio, Riganò, Fantini mentre i seriani di Gustinetti hanno creato solo un paio di occasioni con Raimondi e Possanzini. Al 38’ Gorini, per un fallo su Graffiedi, prendeva il secondo giallo e veniva espulso. Cosa che avrebbe potuto permettere ai viola di prendere in mano la partita e di dilagare. Invece, dopo il raddoppio siglato da Riganò a inizio ripresa, la Fiorentina ha cominciato ad arretrare e a lasciare l’iniziativa all’AlbinoLeffe che ha preso coraggio: su punizione prima Del Prato poi Regonesi hanno impegnato Cejas, al 34’ il fallo di Maggio su Testini è stato sanzionato con il rigore segnato da Possanzini.

Serie B: i risultati della 5ª giornata e la classifica

(22/02/2004)

u.negrini

© riproduzione riservata

Tags