I bergamaschi camminano (e tanto) Moovin’, già fatto il giro dell’Equatore

I bergamaschi camminano (e tanto)
Moovin’, già fatto il giro dell’Equatore

Grande successo per Moovin’, l’iniziativa dedicata alla sensibilizzazione ai benefici della vita attiva promossa da Ats, Comune di Bergamo, Università e L’Eco di Bergamo. Nei primi tre giorni l’applicazione ha registrato oltre 5 mila utenti attivi, dei quali più di 3 mila sono donne.

Complessivamente gli utenti che si sono registrati e hanno iniziato a usare l’app hanno compiuto circa 65 milioni di passi, qualcosa come 48 mila chilometri. Per rendersi conto di cosa indicano questi numeri è come se dopo il terzo giorno di utilizzo tutti gli utenti di Moovin’ avessero compiuto una staffetta attorno all’equatore, compiendo l’intero giro del pianeta.

Dopo pochi minuti dall’avvio dell’iniziativa la scorsa domenica la somma dei passi dei bergamaschi di città e provincia aveva già coperto la distanza fra Bergamo e Parigi, per cui la prossima meta a cui puntano gli organizzatori è la luna! Poco meno di 400 mila, infatti, sono i chilometri che separano la terra dalla luna e il successo che sta riscuotendo Moovin’ può rendere possibile raggiungere questa distanza. Chi, a partire dall’8 di aprile, ha scaricato l’app e ha completato l’iscrizione al programma tramite profilo facebook, google o registrazione diretta con email e password, è entrato a far parte del conteggio della grande famiglia di camminatori di Moovin’. Fino al 6 maggio il programma continuerà a contare i passi compiuti da ogni utente e alimenterà la sfida interna fra paesi della provincia bergamasca, quartieri cittadini, gruppi di amici e singoli atleti. L’elemento della competizione e il costante aggiornamento delle classifiche, infatti, è ciò che ha trasformato il rapporto dei camminatori con Moovin’. Vedere come si comportano i propri amici o conoscenti e incrementare i passi del proprio gruppo o del proprio territorio di appartenenza ha spronato molti ad accettare la sfida e mettersi in marcia.

Per gli amanti della competizione il centro città guida la classifica dei quartieri bergamaschi con circa 3,6 milioni di passi compiuti, seguita dai quartieri di Borgo Palazzo e San Paolo. In provincia il Comune più attivo è Dalmine che registra poco meno di 2 milioni di passi, seguito da Albino, Gorle e Seriate. A seguire il gruppone composto da Scanzorosciate, Sorisole, Treviglio, Nembro che fa registrare compatto valori di poco superiori al milione di passi.

La classifica individuale, invece, è guidata da due uomini: Sergio Fusaro di Palosco e Evasio Re di Scanzorosciate. al terzo posto la prima delle donne, Carmen Barboni di Albano Sant’Alessandro. Ma Moovin’ permette non solo di creare ma anche di inserirsi in gruppi di amici, parenti e conoscenti che decidono di partecipare tutti insieme alla sfida della mobilità. Fra questi primeggia il «San Paolo Gym Tonic», che coinvolge sia gli atleti dell’associazione sportiva Time 4.2 sia un gran numero di abitanti del quartiere San Paolo di Bergamo. I gruppi «Foreveryoung» e «Ciccio Polenta» si posizionano rispettivamente al secondo e terzo posto della classifica, battendo con un pizzico d’orgoglio le «squadre» di runner bergamasche.

Fra le aziende primeggia Ats che oltre a dare il buon esempio manifesta tutto il suo entusiasmo per il successo dell’iniziativa. In particolare il dottor Roberto Moretti, responsabile UOS Promozione della Salute del Dipartimento di Igiene e Prevenzione sanitaria di Ats Bergamo, commenta: «Dai primi dati raccolti da Moovin’ vediamo che ci sono molte persone che fanno tanti km, ma altrettanti che compiono meno di mille passi al giorno e la loro adesione all’iniziativa è il nostro miglior successo. Il coinvolgimento nella sfida e la voglia di aumentare la distanza giornaliera percorsa a piedi sono il nostro principale obiettivo».

Sempre il dottor Moretti ricorda che 15 minuti al giorno di camminata allungano la vita di 3 anni, un motivo in più per invitare chi non l’ha ancora fatto a iscriversi a Moovin’ scaricando l’omonima app sul proprio smartphone.


© RIPRODUZIONE RISERVATA