Kostner squalificata, posto libero  Micol Cristini pattina fino agli Europei
Carolina Kostner con Micol Cristini, che andrà al suo posto agli Europei

Kostner squalificata, posto libero

Micol Cristini pattina fino agli Europei

La giovane Cristini ammessa ai Campionati di Stoccolma dopo la squalifica di Carolina. Bergamo cala un tris da record.

Comunque vada, sembra già un successo. Fino a domenica si disputano i Campionati Europei senior di pattinaggio su ghiaccio di figura, e sulla pista dell’Ericsson Globe Arena di Stoccolma, (Svezia), Bergamo calerà un tris al femminile. A comporlo Micol Cristini, Nicole Della Monica e Carolina Moscheni, che prima ancora di allacciarsi i pattini hanno già stabilito un piccolo record: mai, in 106 edizioni della manifestazione, la nostra provincia aveva schierato in contemporanea tante atlete.

Micol Cristini

Micol Cristini

Specialità e storie diverse per le tre, unite da un unico comune denominatore: il passaggio per l’ormai defunta Olympic Dream Ice School Zanica. Lì ha iniziato «Mimì» Cristini, anni 17 da Urgnano, che al primo Europeo senior della carriera fra le «grandi» partecipa raccogliendo idealmente il testimone da Carolina Kostner. Se il Tnas non avesse squalificato l’altoatesina per la nota vicenda Schwazer Micol non sarebbe in Svezia. Ci è volata sfruttando il bonus dei posti nazione (tre, sulla base dei risultati dell’edizione di Budapest) passando per un bronzo agli ultimi tricolori assoluti che l’hanno vista brillante come non capitava da un biennio.

Da anni, la stella polare del movimento bergamasco è Nicole Della Monica, 25 anni, da Albano Sant’Alessandro: per lei è la quinta kermesse continentale, la terza a fianco di Matteo Guarise (gareggiano nelle coppie d’artistico), forse un’occasione unica per far saltare il banco in ottica medaglia.

Esserci, invece, è già una vittoria per Carolina Moscheni, l’emigrante del terzetto «made in Bg»: risiede in via Angelo Mai, ma da due anni gareggia per l’Ungheria (con Adam Lukacs nella danza di coppia), con cui ha vinto due titoli nazionali. Scelta azzeccata quella del doppio passaporto, che gli ha consentito di fare un salto triplo loep alla carta d’identità: gareggerà fra le senior (per la prima volta in carriera) nonostante sia ancora in età da junior.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola il 28 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA