La Comark asfalta il Lecco: +24 Semifinale playoff contro Orzinuovi
Scanzi (Comark)

La Comark asfalta il Lecco: +24
Semifinale playoff contro Orzinuovi

Lecco rispedita a casa con il tremendo passivo di 24 lunghezze. A brindare è così la Comark che nello spareggio ha raggiunto le semifinali dei playoff per la promozione in serie A2.

Gara straordinaria del team cittadino per carattere e qualità in attacco. Valore aggiunto, comunque, la difesa in grado di far totalizzare agli avversari la miseria di 46 punti. Quattro i giocatori in doppia cifra: Scanzi (il migliore in assoluto) e i soliti Ghersetti, Panni e Pullazi. Non scordiamo, infine, il lavoro di regia svolto dall’ex canturino Bloise, il classico folletto in grado di scorazzare con intelligenza in ogni parte del campo.

Equilibrio fra le sfidanti soltanto nella frazione iniziale (22-20). Allungo appena prima dell’intervallo (35-26) e graduale margine di vantaggio nel terzo quarto, terminato 54-44. Comark, poi, inarrestabile nonostante i lecchesi avevano ridotto il passivo a –12. Comark che, però, a circa 5 minuti dalla sirena tè tornata prepotentemente sopra i venti. Da quel momento la formazione dell’ex Meneguzzo ha gettato di colpo la spugna riconoscendo alla Comark una superiorità oltremodo palpabile. A salvarsi dal grigiore generale il temuto Mascherpa ed a tratti Pinti e Dagnello. Altra nota oltremodo positiva la numerosa e calorosa presenza della tifoseria sugli spalti del Centro sportivo Italcementi.

E da martedì sotto a preparare a dovere Orzinuovi. Cinque le sfide in cartello: il via domenica 15, gara2 il martedì successivo sempre nel Bresciano; terza partita venerdì sera a Bergamo; successivamente le eventuali quattro e cinque.

Il tabellino

COMARK-LECCO 70-46

COMARK BERGAMO: Ghersetti 11, Panni 12, Scanzi 14, Mercante, Bloise 8, Planezio 2, Permon 2, Milani 4, Chiqrello 10, Pullazi 7. All. Cece Ciocca

LECCO: Mascherpa 12, Pienti 9, Dagnello 9, Riva, Todeschini 4, Brambilla 1, Freri 2, Perego, Siberna 3, Balanzoni 6. All. Massimo Meneguzzo

Arturo Zambaldo


© RIPRODUZIONE RISERVATA