La Foppa consolida il quarto posto Le rossoblù piegano il Club Italia

La Foppa consolida il quarto posto
Le rossoblù piegano il Club Italia

Di nuovo una vittoria incandescente ed emozionante. La Foppapedretti piega il Club Italia in quattro set e rafforza la quarta posizione in classifica. Al termine di una sfida che ha sfiorato ancora una volta le due ore di gioco e vissuta con la forza e la tenacia che hanno permesso alle rossoblù di strappare i tre punti, rispondendo con i 23 punti di Sylla, i 16 di Partenio, i 13 di Guiggi e i 10 di Paggi ai 26 di Egonu.

LA GARA. Un avvio di match attento per la Foppapedretti, che si presenta in campo con la formazione forzata delle ultime settimane, composta da Partenio, Gennari, Guiggi, Paggi, Lo Bianco, Sylla e Cardullo. Del gruppo rossoblù fanno parte anche Giada Civitico, centrale classe 2000, e Nadia Rossi, schiacciatrice classe 1999.

Il Club Italia con Perinelli, Orro, Piani, Mancini, Botezat, Egonu e il libero De Bortoli si trova messo subito sotto 2-6 grazie all’attenta lettura del muro rossoblù e agli attacchi di Miriam Sylla. La Foppapedretti si spinge oltre, sul 13-6 quando Lo Bianco manda a segno tutti i terminali di attacco. Le azzurrine sostituiscono Piani con Enweonwu e risalgono fino al 12-15. Ci pensa l’esperienza di Paggi a frenare la rimonta (6 gli attacchi mesi a terra dal capitano nel primo parziale), il Club Italia riesce ad annullare due palle set ma ci pensa Lo Bianco a chiudere per il 25-20.

In equilibrio l’avvio del secondo parziale, con Egonu e Enweonwu a rispondere alla prestazione corale della Foppapedretti. Il Club Italia riesce a portarsi a -1, Sylla e Partenio ristabiliscono le distanze, ma le azzurrine si rifanno sotto, pareggiano sul 15-15 e sorpassano grazie a un fallo in attacco delle rossoblù. E’ Sylla a caricarsi però del peso dell’attacco e a riportare avanti la Foppapedretti, ma il Club Italia, con un parziale di 7-1, annulla quattro palle set con Egonu, Mancini e Perinelli, se ne fa annullare una e poi sfrutta un errore avversario in attacco e si porta sul 1-1 (27-25).

Le rossoblù subiscono il colpo e si ritrovano sotto: 1-4 in avvio di terzo set, poi 2-7. Venturini dà il cambio a Gennari ma il Club Italia non si ferma più, Gennari rientra quando le rossoblù sono sotto 12-16 e provano a recuperare, con orgoglio e pazienza, fino a portasi a -2. Poi arriva il turno di battuta di Egonu e le azzurrine si staccano di nuovo, ma la Foppapedretti non molla, va -1 e con Partenio pareggia: 19-19. Da qui è punto a punto con Gennari e Partenio protagoniste e il finale diventa incandescente con Cardullo e Sylla protagoniste, la prima volando a difendere e la seconda a mettere a terra palloni incandescenti. Le rossoblù bruciano la prima palla set, Guiggi ne conquista una seconda annullata da Egonu e la maratona di chiude di nuovo sul 27-25. Questa volta a favore della Foppapedretti.

Si riprende sull’onda dell’entusiasmo rossoblù che porta al 10-6. La Foppapedretti prova a gestire il vantaggio sfruttando gli attacchi di Partenio, ma è ancora Egonu a riavvicinare. La battaglia prosegue con scambi lunghissimi e sul filo dell’equilibrio, ma è Sylla a firmare il 18-15 che fa spiccare il volo alle bergamasche. A questo punto è Partenio a sfruttare gli assist di Lo Bianco: 21-15. Il Club Italia non molla, si riavvicina, annulla due palle match, ma è Partenio a chiudere i giochi e a regalare la vittoria per tre set a uno.

Club Italia-Foppapedretti Bergamo 1-3 (20-25, 27-25, 25-27, 21-25)

Club Italia: Enweonwu 16, Perinelli 10, Morello, Lubian 6, Ferrara, Orro , Piani, De Bortoli (L), Mancini 6, Arciprete n.e., Melli n.e., Botezat 2, Cortella (L) n.e., Egonu 26. All. Lucchi

Foppapedretti Bergamo: Mori, Suelen, Civitico n.e., Partenio 16, Popovic n.e., Gennari 9, Cardullo (L), Guiggi 13, Venturini 1, Paggi 10, Rossi n.e., Lo Bianco 2, Sylla 23. All. Lavarini

Arbitri: Mariano Gasparro e Marco Zingaro

Note

Battute Vincenti: Club Italia 6, Bergamo 2

Battute Sbagliate: Club Italia 13, Bergamo 7

Muri: Club Italia 7, Bergamo 6

Errori: Club Italia 28, Bergamo 17

Durata Set: 24’, 31’, 30’, 25’


© RIPRODUZIONE RISERVATA