La Foppa presenta Erika Arakiil miglior «muro» delle Olimpiadi

La Foppa presenta Erika Arakiil miglior «muro» delle Olimpiadi

E’ stata ufficialmente presentata Erika Araki, la nuova centrale giapponese della Foppapedreti pronta a murare gli attacchi del campionato Italiano. Grande la curiosità attorno a questo volto nuovo presentata nel Concessionario Moto Suzuki “Effendi e Merelli” di Bergamo. Erika, emozionatissima, dopo due giorni a spasso per la città, ha così avuto modo di conoscere il calore degli appassionati orobici. E i bergamaschi hanno avuto modo di vedere per la prima volta dal vivo il “miglior muro” delle Olimpiadi di Pechino.Un abbraccio significativo, quello tra Giappone e Bergamo, che vede l’esordio in maglia Foppapedretti della prima atleta giapponese nella storia del club rossoblù. Una responsabilità importante per Araki, pronta a conquistare un posto in campo così come oggi ha conquistato la simpatia di tifosi, giornalisti, partner e dirigenti rossoblù. “Il mio primo desiderio è stato da sempre quello di venire a giocare in Italia. Volevo migliorare il mio livello di gioco, perciò ho detto subito sì alla proposta della Foppapedretti, senza pensarci un attimo - ha esordito alla sua prima conferenza stampa italiana - Avevo richieste da tutta Europa, ma il livello del Campionato italiano è il più alto”.Un mondo tutto ancora da scoprire, quello italiano, per Erika: “Conosco il vostro Paese per essere stata qui con la mia Nazionale e naturalmente conosco il vostro campionato per averlo seguito in televisione. So che avrò come compagne molte giocatrici della Nazionale italiana e in passato Jelena Nikolic, vostra ex giocatrice e mia compagna di squadra in Giappone, mi aveva parlato di Bergamo”.  E poi la conclusione che tutti i tifosi volevano sentirle dire: “Sono qui per contribuire alle vittorie della Foppapedretti. E poi per tornare in Giappone ad aiutare la mia Nazionale grazie agli insegnamenti che riceverò qui. Sono davvero felice di poter giocare in una squadra così forte”.Giovanni Panzetti, Direttore Generale del Volley Bergamo, ha parlato di svolta grazie alla presenza della centrale giapponese: “Con l’arrivo di Erika diamo un’apertura culturale alla nostra politica societaria. Con il suo aiuto proveremo a capire le differenze tecniche e di preparazione di un mondo del volley diverso dal nostro. Araki completa inoltre il reparto dei centrali e ci consente di essere coperti in tutti i ruoli per affrontare al meglio e in modo competitivo tutte le manifestazioni a cui parteciperemo”.Il tecnico rossoblù Lorenzo Micelli ha invece presentato tecnicamente il nuovo volto della Foppapedretti Bergamo: “L’ho vista giocare negli ultimi due anni nella Nazionale giapponese. E’ una centrale che sfrutta la velocità più che la potenza, caratteristica tipica del gioco giapponese. E’ sempre stata la migliore della sua squadra nel fondamentale del muro, perciò ci auguriamo che possa fare la differenza anche per noi”.Per lei, nella serata di lunedì 8 settembre, il primo allenamento al PalaNorda al fianco di Gujska, Camarda, Sorokaite, Bacchi e Del Core. Ancora assenti Jenny Barazza, Francesca Piccinini e Leo Lo Bianco, che si uniranno al gruppo a partire da giovedì. Alla lista delle defezioni si sono però aggiunte Arrighetti e Merlo, che hanno raggiunto Ortolani nel ritiro della Nazionale Italiana che prepara la partecipazione al Torneo di Qualificazione al Grand Prix 2009 (16-21 settembre in Russia). (08/09/2008)

© RIPRODUZIONE RISERVATA