Mercoledì 04 Giugno 2003

Mandorlini verso il Genoa Atalanta, si riapre il toto-mister

Riparte la caccia all’allenatore. Chi guiderà la formazione nerazzurra nel prossimo campionato di Serie B? Difficile dare una risposta, soprattutto dopo che le quotazioni dei tre maggiori candidati si sono decisamente sgonfiate.

Andrea Mandorlini è sempre più vicino al Genoa. Non è ancora ufficiale, ma quasi. Il futuro proprietario della società rossoblù, Enrico Preziosi, lo ha fatto chiaramente intendere al termine della gara contro il Cosenza. Non c’é ancora la firma, ha fatto capire Preziosi, ma con Mandorlini «ci siamo dati una stretta di mano che vale tutto».

Scendono, anche, le possibilità di vedere sulla panchina dell’Atalanta Baldini oppure De Canio. I due tecnici hanno chiesto a Ivan Ruggeri un contratto triennale, mentre il presidente nerazzurro è disposto a trattare al massimo un biennale.

Tra i papabili, quindi, si rafforzano le candidature di Nedo Sonetti - soprattutto dopo che il «suo» Palermo è rimasto in Serie B, perdendo il confronto promozione con il Lecce - e Roberto Donadoni. Ma una decisione su chi sarà il nuovo mister dell’Atalanta non verrà presa prima di lunedì.

Giancarlo Finardi, invece, conclusa la sua breve esperienza con la prima squadra tornerà ad allenare la formazione Primavera.

Dal fronte del mercato giocatori, non arrivano novità di rilievo. Dabo è seguito dagli inglesi del Tottenham e del Blackburn; Doni e Zauri sono vicini all’accordo con la Sampdoria, Natali sembra interessare alla Lazio di Mancini. Tramezzani, svincolato, difficilmente resterà a Bergamo, mentre Siviglia tornerà a Parma per fine prestito.

La società, che è decisa a dare spazio a Bellini e Pinardi e ad alcuni promettenti giovani del vivaio, ha comunque fatto sapere che sulla carta nessun giocatore atalantino è incedibile.

Cosa dovrebbero fare i dirigenti dell’Atalanta per una pronta risalita della squadra in Serie A? Partecipa al forum.

(07/06/2003)

u.negrini

© riproduzione riservata

Tags