Venerdì 14 Marzo 2014

Remer a Codogno per i playoff

Comark a Imola per la promozione

Fabio Zanelli (Comark)

Non mancano gli stimoli, nel weekend, per Remer e Comark. Per il team trevigliese la trasferta di domenica a Codogno, contro Casalpusterlengo (inizio alle 18) ha il sapore di un avvicinamento ai playoff; per la Comark, la sfida in Romagna (sabato, ore 21) può valere il salto di qualità.

Remer (terza categoria nazionale) e Casalpusterlengo sono appaiate con Roseto al sesto posto della regular season. Da qui l’importanza della posta in palio anche se mancano sei turni al termine di questa prima fase del torneo. Trevigliesi reduci dal convincente successo casalingo con il Chieti; Casalpusterlengo, invece, dal tonfo di Mantova.

Un blitz a Codogno non è da escludere. Anzi. Coach Adriano Vertemati, con l’ultimo arrivo, quello di Jacopone Borra, dispone a questo punto di otto-nove pedine intercambiabili. Auguriamoci che le sappia gestire al meglio in ogni frangente della gara.

Considerate le recenti prestazioni diventa facile ipotizzare il quintetto al pronti via: Rossi, Marino, Krstovic, Carnovali e Ihedioha. A referto Borra, Kynzlink, Alessandri, Flaccadori e Spatti. A tifare Remer i «Ranger» gruppo di insuperabili supporter che ha allestito un pullman.

Scendendo di categoria, la gara di Imola assume una valenza delle più sostanziose. Le capoliste Comark e Imola saranno alla caccia di due punti che potrebbero risultare addirittura determinanti al conseguimento della promozione diretta. Azzardato avventurarsi nei pronostici in quanto entrambe le contendenti vantano organici coi fiocchi o se preferite coniugabili con gli ambiziosi obiettivi da raggiungere.

Rimanendo in ambito Comark, auspicabili le esibizioni al top dell’«americano» Masper e dell’esterno Zanelli. A livello di squadra da augurarsi una difesa, come si suol dire, saracinesca. L’incontro di andata terminò con la Comark vincente di sette lunghezze dopo quattro tempi all’insegna del massimo equilibrio. I tifosi orobici hanno risposto alla grande all’invito della società di riempire i due pullman (gratuiti) per seguire la squadra.

Unica contropartita richiesta loro dal presidente Massimo Lentsch è di farsi sentire a più non posso sugli spalti del palasport ospite. Più che eloquente, infine, la dichiarazione flash dell’allenatore bergamasco Michele Pasqua: «A Imola - ha sottolineato - non si tratterà di spareggio ma poco ci manca».

Arturo Zambaldo

© riproduzione riservata