Ventura non è più il Ct azzurro
Tavecchio: «Non mi dimetto»

Il presidente dei calciatori Tommasi: «Noi pensiamo che non si possa non ripartire dalle elezioni».

Ventura non è più il Ct azzurro Tavecchio:  «Non mi  dimetto»

Giampiero Ventura non è più il Ct dell’Italia. L’ha deciso la Figc dopo una riunione al calor bianco, dove il presidente Carlo Tavecchio si è dichiarato «indisponibile a dimettersi». Tavecchio «ci ha comunicato che non intende dimettersi dalla presidenza della Figc: noi pensiamo che non si possa non ripartire dalle elezioni».

Lo ha detto Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori, lasciando la Federcalcio mentre era ancora in corso il vertice delle componenti convocato da Tavecchio, dopo la mancata qualificazione dell’Italia al Mondiale. «Ci sarà forse a breve un consiglio federale per prendere una decisione», ha aggiunto Tommasi.

«Noi pensiamo che non si possa non ripartire dal rinnovo delle cariche», ha aggiunto Damiano Tommasi. «Andare ad elezioni con una progettualità più credibile, con nuove persone, non si risolvono i problemi del calcio italiano con l’esonero del ct. Altrimenti si continuerà a rigirare la stessa minestra che è rimasta indigesta a parecchi. Ancelotti? Non lo so, noi siamo andati via e non abbiamo voluto sentire altro. Qualsiasi progetto passa da un passo indietro di tutto il consiglio federale, in un paese normale succede questo». «La mia prima domanda - ha raccontato il presidente Aic, parlando del vertice dopo il flop Mondiale - è stata sulle dimissioni, le altre componenti non hanno chiesto nulla, non abbiamo voluto sentire altro. Mi sembra non ci sia la volontà di ripartire da zero. Vedremo nel prossimo consiglio federale» ha poi aggiunto Tommasi lasciando la sede della Federcalcio

© RIPRODUZIONE RISERVATA