Bergamo, il macello e il vecchio tram Un pezzo di città che oggi non c’è più
Il macello pubblico nei primi anni del Novecento (Foto by Storylab - Roberto Vetere)

Bergamo, il macello e il vecchio tram
Un pezzo di città che oggi non c’è più

Uno scatto di Storylab ci porta nel centro di Bergamo Bassa, in via Mai. Qui è cambiato proprio tutto.

Bergamo bassa, pieno centro, primi anni del Novecento. Questa foto apparsa su Storylab.it ci mostra un pezzo di città che non c’è più. Siamo in via Angelo Mai, a poca distanza dall’incrocio con l’attuale viale Papa Giovanni XXIII (che prima di chiamarsi così si chiamava viale Roma e, prima ancora, viale Stazione). L’edificio sullo sfondo è il macello pubblico, che nel 1953 fu spostato alla Celadina. Tempo dopo il complesso fu demolito per fare posto, tra l’altro, all’Istituto Secco Suardo che vediamo oggi passando lungo la strada.

In primo piano si vedono degli operai al lavoro sopra un convoglio: si tratta del vecchio tram a vapore Bergamo-Trescore-Sarnico, che fu in attività dal 1901 agli inizi degli anni Trenta per il trasporto di merci e persone. Sullo sfondo, a destra, si vede anche il campanile della chiesa di Sant’Anna: nel corso dei decenni nella zona sono spuntati numerosi edifici ed ora non è più visibile da quella posizione.

Ecco il confronto tra ieri e oggi con lo scatto del nostro Beppe Bedolis.

L’ex macello pubblico di Bergamo

L’ex macello pubblico di Bergamo
(Foto by Storylab - Roberto Vetere)

Via Angelo Mai con l’Istituto Secco Suardo in primo piano

Via Angelo Mai con l’Istituto Secco Suardo in primo piano
(Foto by Beppe Bedolis)


© RIPRODUZIONE RISERVATA