Pedalando in città... tra un secolo e l’altro, ecco piazza Sant’Anna ieri e oggi

Pedalando in città... tra un secolo e l’altro, ecco piazza Sant’Anna ieri e oggi

Un altro scatto affascinante da Storylab: siamo in piazza Sant’Anna nei primi anni Cinquanta. In città tantissime bici e poche auto.

Tra le tante foto di Bergamo online su Storylab.it c’è questo bellissimo scatto dei primi anni Cinquanta. Siamo in piazza Sant’Anna, nel cuore di Bergamo, e la foto è tratta dall’archivio del glorioso studio fotografico Wells di largo Cinque vie, che è tra le principali «miniere» di fotografie acquisite e rese disponibili online dal progetto Storylab. A un primo sguardo la piazza è subito riconoscibile nello scatto d’epoca, ma osservando con attenzione la foto è possibile riconoscere il grande palazzo sullo sfondo - sede bancaria ieri come oggi - e la fila di edifici sulla sinistra, che costeggiano la parte alta di via Borgo Palazzo. Al centro, l’edicola, molto più piccola di quella presente oggi nella piazza: nello scatto d’epoca s’intravedono i nomi di alcune storiche testate giornalistiche come «L’Eco di Bergamo», «Il Giornale del Popolo», «L’Unità» e «Milano Sera», e i segnali stradali «Circonvallazione», «Val Brembana», «Val Seriana» e «Polizia stradale». A destra, invece, si vede il benzinaio con l’insegna «Octangas», accanto al quale era presente anche la pesa pubblica, visibile in questa foto. In primo piano tante biciclette e una sola auto: erano anni in cui le auto private erano ancora un bene che potevano concedersi in pochi, diversamente da quello che è accaduto nei decenni successivi, con il «boom» della motorizzazione e tantissime auto in tutte le città. Al centro della piazza non c’erano gli alberi che invece oggi sono una delle caratteristiche distintive di questo spazio urbano. Ecco il confronto tra ieri e oggi con lo scatto del nostro Beppe Bedolis.

Piazza Sant’Anna nel 1954

Piazza Sant’Anna nel 1954
(Foto by Storylab/Archivio Wells)

Piazza Sant’Anna nel 2021

Piazza Sant’Anna nel 2021
(Foto by Beppe Bedolis)


© RIPRODUZIONE RISERVATA