I nostri quattrozampe e il pericolo parassiti

I nostri quattrozampe
e il pericolo parassiti

Siamo in primavera ormai, le temperature si innalzano, le condizioni all’aperto sono sempre più favorevoli per le passeggiate all’aria aperta ed i nostri quattro zampe possono giocare e correre all’esterno con spazi più ampi e tempi più lunghi.

Ma in primavera così come si assiste al risveglio della vegetazione iniziano a risvegliarsi anche i parassiti, tenuti a bada fino ad ora dalle basse temperature, siano essi delle piante o degli animali, anche se – con il rialzarsi delle temperature globali anche i parassiti sopravvivono agli inverni non più così rigidi e rendono quindi opportuno l’utilizzo di questi presidi antiparassitari anche nei periodi più freddi.

Come fare quindi per evitare che i nostri animali si possano riempire di parassiti quali pulci, zecche, acari o che possano essere punti da insetti volanti quali pappataci, zanzare o morsicati da mosche o tafani?

Semplice: esistono in commercio ormai diverse tipologie di antiparassitari utilizzabili per i nostri animali, venduti sia in pratiche fialette spot-on con utilizzo mensile (cioè applicate direttamente sulla cute dei nostri quattro zampe ogni mese), sia con collari di lunghezza e durata più o meno lunga (anche fino ad otto-nove mesi di copertura) o, contro pulci, zecche ed acari, delle compresse con effetto di durata variabile da uno a tre mesi, che però non possiedono alcun effetto repellente contro gli insetti volanti che, oltre al prurito (allergia alle punture di zanzare) od al dolore del morso, possono trasmettere patologie anche molto gravi quali filariosi cardiopolmonare o leishmaniosi potenzialmente contagiosa anche per noi.

Attenzione che non tutti questi prodotti sono equipollenti e non tutti possono essere utilizzati su tutti i quattro zampe: alcuni prodotti di comune utilizzo sui cani possono essere estremamente nocivi se applicati su gatti o conigli.

E ricordiamoci che pulci e zecche che possono vivere sul nostro cane più o meno transitoriamente, possono comodamente colonizzare il nostro appartamento e, vi assicuro, non si creano scrupoli a pungere anche noi: il nostro sangue è ugualmente ghiotto; l’applicazione di presidi antiparassitari risulta pertanto assolutamente indicata ed opportuna!

Fatevi perciò consigliare dal vostro medico veterinario su quale tipologia di antiparassitario può essere più indicata per le vostre abitudini e per il vostro quattro zampe, non indugiate oltre e… buone passeggiate all’aria aperta!

© RIPRODUZIONE RISERVATA