Il «Club delle Piccole Pesti» per i proprietari di «minicani»

Il «Club delle Piccole Pesti»
per i proprietari di «minicani»

I cani, si sa, esistono di diverse taglie: ci sono i giganti come l’alano e il bovaro del bernese, i grandi, come il pastore tedesco e il labrador, i medi come il cocker o il breton e infine i piccoli.

In questa categoria il jack russell, il maltese o il piccolissimo chihuahua. Esistono addirittura i toy, versioni ancora più rimpicciolite dei già piccoli cagnetti.. E sono davvero tanti! Soprattutto nelle aree urbane, dove un cane dalle dimensioni importanti potrebbe risultare fin troppo impegnativo, le famiglie spesso scelgono un «minicane», convinte che possano adattarsi benissimo ad un appartamento e che siano adattabili a tutto, compreso il fatto di portarli a spasso pochissimo e di abituarli a sporcare sui famigerati telini assorbenti.


Non c’è nulla di più sbagliato: seppur di piccola taglia, stiamo comunque parlando di un cane, con tutte le sue esigenze, fisiologiche, territoriali, sociali e così via. Il cane anche se piccino è pur sempre una sorta di «lupo travestito» (le sue origini son quelle, tutto partì comunque dal lupo!), e costringerlo ad una vita di privazioni, seppur costellata di vizi, significa spesso renderlo un cane infelice.

Capisco però la reticenza di tanti proprietari che, ad esempio, non portano i loro piccoli amici a socializzare e giocare nelle «aree cani», temendo che possano essere aggrediti da cani di dimensioni maggiori. Effettivamente, non conoscendo chi entra od esce dal recinto, è plausibile un certo timore. Purtroppo però così facendo il «minicane» non ha possibilità di sfogarsi a dovere e di socializzare correttamente con i suoi simili, aspetti che, nel tempo, possono generare in lui vere e proprie fobie o forme di aggressività nei confronti degli altri.
Ricordo che non sempre il guinzaglio è lo strumento adatto per la socializzazione, anzi spesso quando è legato il cane (soprattutto se di piccola taglia) manifesta più aggressività di quando è libero, vuoi per la costrizione nei movimenti e anche perchè in alcuni casi sviluppa una forma di iperprotettività nei nostri confronti. Sfogarsi, giocare e socializzare devono quindi essere le parole d’ordine di chiunque possegga un cane, anche se piccolo.

Per questo motivo, ad esempio, abbiamo pensato ad una attività riservata solo a loro: il «Club delle Piccole Pesti». Si tratta di una serie di incontri basati sul gioco, la prima educazione, la corretta socializzazione e soprattutto sul divertimento sicuro, sono infatti “banditi” da questi incontri i cani di taglia media e grande. Gli incontri si tengono presso il centro cinofilo “l’allegra cagnara” di Villa d’Almè (Bruntino) e sono di sabato. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito lallegracagnara.it o la pagina facebook dell’allegra cagnara (l’allegra cagnara 5).

Visita il blog di Paolo Bosatra clicca qui

© RIPRODUZIONE RISERVATA