Domenica 08 Novembre 2009

Crisi/ Prodi: imprenditori non possono uscirne soli

Roma, 8 nov. (Apcom) - E' difficile che gli imprenditori riescano ad uscire soli dalla crisi, e le banche devono riprendere con le aziende una relazione "continua". Lo scrive Romano Prodi sul Messaggero. Con la crisi spesso gli imprenditori si sono trovati spesso soli e le banche "non conoscendo più i problemi del territorio, giudicano la situazione delle imprese secondo parametri generali, validi per tutti e inflessibili" e spesso "data l'ampiezza della crisi e il crescente numero delle aziende in difficoltà, concentrano le proprie risorse finanziarie nel prolungare la durata dei crediti esistenti e a questo punto si fermano". Di qui il sospetto che possa servire il ritorno a "banche specializzate per segmenti di attività", ma questi istituti "non sarebbero immuni dal rischio di trasformarsi in carrozzoni pubblici che poi si sostituirebbero alla responsabilità degli imprenditori". Ma "se si vuole evitare il rischio di dare vita a pericolosi carrozzoni, bisogna che le banche recuperino una relazione continua, approfondita ed autorevole con le imprese". In ogni caso è difficile "che gli imprenditori se la possano cavare da soli" e "qualche rimedio va preso. Finché siamo ancora in tempo".

Mdr

© riproduzione riservata