Domenica 08 Novembre 2009

Sicilia/ Sgozza il padre adottivo e chiama i carabinieri

Roma, 8 nov. (Apcom) - E' adesso in isolamento nel carcere di Petrusa, ad Agrigento, il giovane di origini russe che nella notte ha ucciso il padre adottivo. Constantin Gennaro, 23 anni, ha colpito con un coltello al collo il genitore, Damiano Gennaro di 61 anni, e in pratica l'ha sgozzato. La tragedia è avvenuta intorno a mezzanotte nell'abitazione di famiglia, nel quartiere Villaggio Mosè, alla periferia sud della città siciliana. Dopo aver colpito a morte il padre, Constantin ha chiamato il 112 e si è costituito. I carabinieri del Nucleo operativo radiomobile sono intervenuti pochi minuti dopo la mezzanotte. In breve hanno ricostruito la scena del delitto. Il giovane, che presentava una ferita alla mano destra è stato prima accompagnato all'ospedale 'San Giovanni di Dio', per le cure del caso e poi in carcere, a disposizione dell'autorità giudiziaria. Damiano Gennaro e la moglie avevano adottato una decina di anni fa tre fratellini di origini russe; la sorella e il fratello di Constantin non erano in casa quando è avvenuto l'omicidio. Una discussione finita in tragedia, spiegano gli investigatori.

Nav

© riproduzione riservata