Domenica 08 Novembre 2009

Muro/ Berlino: ultimi preparativi prima di storiche celebrazioni

Berlino, 8 nov. (Apcom) - Davanti ad una folla crescente di ora in ora, Berlino sta approntando gli ultimi preparativi per le celebrazioni previste domani per i 20 anni della caduta del Muro. In un'atmosfera di festa, già da questa mattina centinaia di persone ammiravano i parallelepipedi giganti di polistirolo installati nel centro della citta sull'antico tracciato del Muro che divise la città dal 1961 al 1989. Erette su un chilometro e mezzo, lungo gli edifici più emblematici di Berlino come la Porta di Brandeburgo e il Reichstag, queste stele colorate alte due metri e mezzo e tutte decorate con motivi diversi domani sera crolleranno con effetto domino per mano di alcuni degli ospiti d'onore della cancelliera Angela Merkel a simbolizzare la caduta del Muro. "I Muri possono cadere. E noi possiamo distruggere i muri che sono ancora in piedi", ha dichiarato il sindaco della capitale Klaus Wowereit nel corso dell'inaugurazione di questa galleria all'aria aperta, opera di 15.000 persone nel mondo intero. Questo pomeriggio, i berlinesi erano invitati a formare una "catena di fazzoletti" vicino al "Parco del Muro" situato nei pressi dell'ex frontiera. Ciascuno era invitato a venire con dei fazzoletti, colorati se possibile, simboli delle "numerose lacrime, degli addii" ma anche "della gioia, della danza, dello scambio fra Est e Ovest", hanno spiegato gli organizzatori. Le celebrazioni di domani saranno "molto commoventi per tanti in Germania", ha detto la cancelliera, lei stessa cresciuta nell'ex Ddr, in un messaggio video messo online sul suo sito web. "Anche negli anni '80 non avrei creduto che in vita mia avrei assistito alla caduta del Muro", ha dichiarato invece al giornale Bild che sarà in edicola domani. Questa sera, la Merkel inaugurerà un nuovo museo situato nei pressi del celebre ponte di Glienicke, ricordato come "ponte delle spie" perché qui, negli anni della Guerra fredda, avvennero scambi tra spie americane e sovietiche. Domani pomeriggio, prenderanno il via le celebrazioni ufficiali. Angela Merkel raggiungerà la "Bornholmer Strasse", il primo passaggio di confine da cui i cittadini della Ddr iniziarono ad uscire verso Berlino ovest, e rieffettuerà questo percorso insieme ad altri testimoni dell'epoca. In serata, le celebrazioni culmineranno con una festa alla Porta di Brandeburgo. Ciascun Paese dell'Unione europea, sarà rappresentato. Per l'Italia ci sarà il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. I leader delle quattro potenze che occuparono Berlino al termine del secondo conflitto mondiale saranno presenti: il Primo ministro britannico Gordon Brown, i presidenti francese e russo Nicolas Sarkozy e Dmitri Medvedev e il Segretario di Stato americano Hillary Clinton. Fra gli ospiti di rilievo attesi domani figurano anche i due protagonisti di primo piano della fine della Guerra fredda, di cui il Muro di Berlino ne era il simbolo: l'ultimo leader sovietico Mikhail Gorbaciov e l'ex leader polacco Lech Walesa. Scesa la notte, la festa comincerà alle 19 con un concerto all'aperto dell'orchestra della Staatsoper di Berlin, diretta dal Maestro Daniel Barenboim. In programma ci sono anche dei fuochi d'artificio. Una troupe di otto attori ha previsto di apportare un tocco poetico alle celebrazioni. Mascherati da angeli, alla maniera delle creature oniriche di Wim Wenders in "Le ali sopra Berlino" (girato nell'attuale capitale tedesca prima della caduta del Muro), appariranno sui tetti del centro della città. Il comune cittadino attende 100.000 persone a queste celebrazioni notturne, "se il tempo lo consentirà". Gli hotel ad ogni modo sono stati presi d'assalto dai turisti e da orde di giornalisti venuti dal mondo intero. (con fonte Afp) Ihr 081628 nov 09

MAZ

© riproduzione riservata