Domenica 08 Novembre 2009

Papa: Oggi emergenza educativa, verità e vita messe in dubbio

Roma, 8 nov. (Apcom) - "Viviamo in tempi nei quali si avverte una vera 'emergenza educativa'": è l'allarme del Papa, che, inaugurando la nuova sede dell'istituto Paolo VI a Concesio (Brescia), ha affermato: "Formare le giovani generazioni, dalle quali dipende il futuro, non è mai stato facile, ma in questo nostro tempo sembra diventato ancor più complesso". "Lo sanno bene i genitori, gli insegnanti, i sacerdoti e coloro che rivestono dirette responsabilità educative", ha proseguito Papa Ratzinger, secondo il quale "si vanno diffondendo un`atmosfera, una mentalità e una forma di cultura che portano a dubitare del valore della persona, del significato della verità e del bene, in ultima analisi della bontà della vita. Eppure si avverte con forza una diffusa sete di certezze e di valori. Occorre allora trasmettere alle future generazioni qualcosa di valido, delle regole solide di comportamento, indicare alti obiettivi verso i quali orientare con decisione la propria esistenza". Il Papa ha affrontato il tema dell'educazione a partire dalla figura del suo predecessore Paolo VI. "In lui, arcivescovo di Milano e poi Successore dell`apostolo Pietro, mai vennero meno l`anelito e la preoccupazione per il tema dell`educazione. Lo attestano i numerosi suoi interventi dedicati alle nuove generazioni, in momenti burrascosi e travagliati, come il Sessantotto", ha sottolineato Ratzinger, ricordando: "In uno dei primi scritti dedicato alla scuola italiana, Giovanni Battista Montini osservava: 'Non domandiamo altro che un po` di libertà per educare come vogliamo quella gioventù che viene al cristianesimo attratta dalla bellezza della sua fede e delle sue tradizioni'".

Ska

© riproduzione riservata