Venerdì 27 Novembre 2009

Clima/ Sarkozy "critica" Obama per data presenza a Copenaghen

Roma, 27 nov.(Apcom) - A pochi giorni dalla conferenza sul clima di Copenaghen l'atmosfera si fa sempre più tesa. Ieri sera, il presidente francese Nicolas Sarkozy, in visita in Brasile, ha implicitamente criticato la decisione di Barack Obama di andare nella capitale danese il 9 dicembre e non il 17 e il 18, come faranno tutti i leader mondiali. "In questo modo sarà difficile fare un vertice intermedio e soprattutto sarebbe scortese nei confronti dei danesi e degli altri 66 capi di Stato e di governo che hanno già confermato la loro partecipazione alla conferenza", ha affermato Sarkozy, citato dal sito del giornale francese "Le Point". Ieri sera, nel corso di una conferenza stampa congiunta con i suoi omologhi del Brasile, Luiz Inacio Lula da Silva, e della Guyana, Bharrat Jagdeo, l'inquilino dell'Eliseo ha voluto sottolineare le "incoraggianti" proposte americane e cinesi sul clima. "Voglio rendere omaggio al coraggio del presidente Obama che ha fissato degli obiettivi" in materia di lotta contro il riscaldamento del pianeta, ha affermato il capo dello Stato francese. Durante questa missione sudamericana, Sarkozy spera, assieme a Lula, di ottenere l'assenso dei Paesi amazzonici sul testo che avevano co-firmato il 14 novembre a Parigi. Battezzato "bibbia climatica" dal presidente Lula, questo testo contiene le grandi linee dell'accordo che entrambi auspicano venga adottato nella Conferenza mondiale sul clima di Copenhagen (7-18 dicembre).

Bla-Ihr

© riproduzione riservata