Immigrati/ Fini:Confronto senza anatemi o convenienze elettorali

Immigrati/ Fini:Confronto senza anatemi o convenienze elettorali Hanno diritti e doveri anche se alla Lega viene l'orticaria

Immigrati/ Fini:Confronto senza anatemi o convenienze elettorali
Roma, 7 dic. (Apcom) - Sul tema dell'immigrazione è necessario "confrontarsi senza anatemi o battute propagandistiche, senza chiederci a chi conviene". Lo dice il presidente della Camera, Gianfranco Fini, intervenendo a un dibattito alla comunità di Capodarco a Roma.Fini racconta che talvolta quando si parla di cittadinanza in tempi più brevi o di voto agli immigrati "mi viene detto che non conviene e io mi chiedo a chi non convenga. È forse che gli immigrati voterebbero tutti a sinistra? Chi pensa questo fa un'ammissione della debolezza politico-culturale del centrodestra, come se non avessimo i princìpi e i contenuti per essere votati dagli immigrati"."Agli amici della Lega, che sono refrattari a parlarne o che vengono colti dall'orticaria" quando se ne parla, Fini vuole ricordare che "non si può parlare solo dei doveri degli extracomunitari e non dei diritti perchè è illusorio pensare che torneranno a casa loro". Questo tema, conclude Fini, "crea polemiche nel centrodestra ma dobbiamo continuare ad affrontarlo perchè la politica deve avvertire la responsabilità di guidare la società".(segue)

© RIPRODUZIONE RISERVATA