Martedì 15 Dicembre 2009

M.O./ Striscia, nuovo business dei tunnel: contrabbando di moto

Roma, 15 dic. (Apcom) - Oltre alle armi, agli esplosivi, alle derrate alimentari, lungo i tunnel tra Egitto e Gaza passano anche ... motociclette, in pezzi. Si tratta dell'ultimo business, spiega a un inviato del Guardian Mahmoud, un diciottenne palestinese, fiero al fianco della sua dueruote, all'imbocco di un tunnel. Non ha né patente, né casco, naturalmente, ma la sua moto made in China gli dà coraggio: "E' ciò che vogliono tutti i ragazzi, è molto meglio che guidare un'auto". La sua moto, comprata per 700 dollari due settimane fa, adesso vale ancora di più. Perché il governo di Hamas ne ha vietato l'importazione: troppi morti e feriti per le strade della Striscia, dovuti all'imperizia dei centauri e alle condizioni disastrose delle strade. Le moto, dismesse in Egitto, vengono smontate e trasportate in pezzi attraverso i tunnel per poi essere riassemblate nelle officine dei territori occupati. Secondo Khalil Shanin, direttore del Palestinian Centre for Human Rights, un aumento del 25% nel numero delle moto sulle strade della Striscia negli ultimi sette mesi ha causato almeno 160 morti e oltre 1.000 feriti. Su pressione del PCHR, il governo the Hamas è intervenuto: la circolazione delle moto è vietata lungo la trafficata strada costiera nei weekend estivi. Sono state aperte tre scuole guida per motociclisti e la patente e il bollo (210 dollari l'anno) sono diventati obbligatori.

Fcs

© riproduzione riservata