Venerdì 25 Dicembre 2009

Afghanistan/ Talebani trasmettono video soldato Usa rapito

Kabul, 25 dic. (Ap) - I talebani hanno diffuso su internet il video di un soldato statunitense rapito a fine giugno nell'est dell'Afghanistan. Si tratta di Bowe Bergdhal, l'unico militare statunitense catturato dai talebani: lo ha confermato anche l'Isaf (Forza internazionale di assistenza alla sicurezza), la missione a guida Nato nel Paese. La famiglia del soldato ha reagito pubblicamente per la prima volta attraverso un comunicato, in cui ha supplicato i rapitori di "lasciare che il nostro unico figlio ritorni a casa" ed esortando il loro ragazzo a "rimanere forte". Il testo è stato diffuso dal colonello Tim Marsano della Guardia nazionale dell'Idaho, ufficiale di collegamento con i parenti del soldato che oggi si è recato in visita alla famiglia. Bowe Bergdahl, di stanza in un reggimento della fanteria aviotrasportata, fu preso in ostaggio il 30 giugno nella provincia di Paktika, non lontano dalla frontiera con il Pakistan, in una regione controllata dai talebani. Aveva 23 anni al momento del suo rapimento, cinque mesi dopo il suo arrivo in Afghanistan. "E' un atto orribile che sfrutta un giovane soldato, che è stato ovviamente costretto a leggere una dichiarazione preparata in anticipo", ha dichiarato in una nota il portavoce di Isaf, il contro-ammiraglio Gregory Smith. "Rendere pubblico questo video il giorno di Natale è un affronto alla famiglia e agli amici di Bowe Bergdahl, che dimostra l'incuranza delle tradizioni religiose e degli insegnamenti dell'islam". I talebani avevano già diffuso un video dell'ostaggio, il 19 luglio. In quell'occasione appariva spaventato e abbattuto. Il nuovo filmato lo mostra sedute, di fronte alla macchina da presa, con occhiale da sole, casco e uniforme dell'esercito degli Stati Uniti. Una scritta chiarisce: "Prigioniero di guerra: Bowe Robert Bergdahl. E a fianco: "soldato statunitense detenuto dai Mujaeddhin dell'Emirato islamico d Afghanistan". L'uomo ha declinato le sue generalità, il suo grado, la data di nascita, il gruppo sanguigno, il suo reparto e il nome da nubile di sua madre, prima di lanciarsi in una lunga diatriba contro il modo in cui gli Stati Uniti conducono la guerra in Afghanistan e i suoi rapporti con i musulmani. E' sembrato essere in buona salute. Alla fine della registrazione, un portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha letto un comunicato in cui ha ribadito la loro richiesta di scambio di un "numero limitato di prigionieri" in cambio di Bowe Bergdahl. La dichiarazione ha indicato che altri soldati americani potrebbero essere sequestrati. Oggi la Nato ha annunciato che molti militanti sono stati uccisi nella provincia di Paktika durante un'operazione di ricerca di uno dei capi della rete di Jalaluddin Haqqani, vicino ad al Qaida e che si ritiene operai dai due lati della frontiera. Ricerche sono state condotte per tentare di trovare Bergdahl dal suo sequestro, ma non si sapeva ufficialmente se fosse detenuto in Afghanistan o in Pakistan.

Fco

© riproduzione riservata