Lunedì 18 Gennaio 2010

Bankitalia/ Prestiti agevolati, più facile per grandi imprese

Roma, 18 gen. (Apcom) - Le imprese più grandi hanno maggiori possibilità di accedere a finanziamenti agevolati, in particolare se operano nel settore industriale e sono collocate nelle regioni a statuto speciale E' quanto emerge da uno studio pubblicato dalla Banca d'Italia su "Gli incentivi pubblici alle imprese: evidenza a livello micro", a cura di Diego Caprara, Amanda Carmignani e Alessio D'Ignazio. Il lavoro fornisce un quadro statistico sulla dimensione e sulla composizione dei prestiti agevolati concessi dalle banche alle imprese italiane a valere su fondi pubblici. Le elaborazioni si riferiscono all'universo delle segnalazioni della Centrale dei rischi. Tra il 1998 e il 2007, spiega lo studio, i prestiti agevolati rilevati dalla Centrale dei rischi si sono attestati attorno allo 0,3% del pil e hanno riguardato circa 27.000 imprese, prevalentemente societa di capitali. I risultati confermano che i prestiti agevolati concessi a valere su fondi pubblici sono la forma di sussidio che prevale al Centro Nord (mentre nel Mezzogiorno sono storicamente piu rilevanti i contributi a fondo perduto). Tra le regioni centro settentrionali i sussidi di questo genere sono particolarmente diffusi in Friuli Venezia Giulia, Veneto e Trentino Alto Adige. L'incidenza dei finanziamenti agevolati, spiega la Banca d'Italia, "risulta piu elevata tra le imprese di dimensione maggiore, in particolare tra quelle dell'industria in senso stretto e dell'agricoltura". I dati mostrano come "l'ammontare di risorse pubbliche registrato dalla Centrale dei Rischi - si legge nel documento di studio - sia stato indirizzato prevalentemente verso le imprese che risiedono nelle regioni a Statuto speciale. Le imprese di maggiore dimensione, quelle dell'industria in senso stretto e le societa di capitali sono state le principali beneficiarie".

Kat

© riproduzione riservata