Martedì 19 Gennaio 2010

Craxi dieci anni dopo, oggi la cerimonia in Senato

Roma, 19 gen. (Apcom) - Oggi alle dieci in Senato si commemora Bettino Craxi a dieci anni dalla morte: nella Sala degli Atti Parlamentari aprirà i lavori il saluto introduttivo del Presidente del Senato Renato Schifani, cui seguirà una relazione di Stefania Craxi sul tema "Attualità del pensiero politico di Bettino Craxi". Sulla vicenda Craxi e sulle polemiche legate alle numerose commemorazioni di questi giorni ha messo una parola determinante ieri il capo dello Stato con la lettera inviata alla vedova Anna. Giorgio Napolitano ha ricordato l'attività politica di Craxi invitando a un giudizio "sereno" per quanto "non acritico" dall'esponente socialista, mettendo in guardia da "rimozioni e distorsioni" che lo Stato non si può permettere, osservando che Craxi pagò "con una durezza senza eguali" le responsabilità che gli furono attribuite per i fenomeni degenerativi del sistema politico. Quello stesso sistema "che è ancora in attesa di riforme che soddisfino le esigenze" esemplificate nella vicenda di Craxi. Comunque, ha osservato Napolitano, Craxi pur tra "luci ed ombre" ha lasciato "un'impronta incancellabile" nella storia italiana. Sulla Stampa, oggi l'ex procuratore Francesco Saverio Borrelli assicura, "non è una bacchettata al pool di Mani Pulite". E critico con l'ex compagno di partito Napolitano è anche, in una seconda intervista, lo storico dirigente del Pci Pietro Ingrao: "Sinceramente io di luci nell'agire di Craxi non ne ho mai viste". Dopo le cerimonie dello scorso weekend sulla tomba a Hammamet, oggi i lavori in Senato proseguiranno con una tavola rotonda alla quale prenderanno parte, tra gli altri, Luigi Angeletti, Tarak Ben Ammar, Renato Brunetta, Giuseppe De Rita, Franco Frattini. Le conclusioni saranno affidate al ministro Maurizio Sacconi. Sarà presente il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Nel pomeriggio , la Fondazione Craxi sarà ricevuta da Napolitano al Quirinale.

vep-aqu

© riproduzione riservata