Martedì 19 Gennaio 2010

Haiti/Ban Ki-moon: speranza anche nella peggiore tragedia (WPost)

Roma, 19 gen. (Apcom) - "Il disastro di Haiti mostra ancora una volta che anche nella peggiore devastazione, c'è sempre la speranza": il Segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon racconta in un editoriale pubblicato sul Washington Post la sua esperienza ad Haiti, ricordando come dalle macerie della sede delle Nazioni Unite sia stato salvato un sopravvissuto cinque giorni dopo il terremoto che ha messo in ginocchio Port-au-Prince. Nelle strade della capitale haitiana "ho visto immagini terribili come quelle trasmesse dalla televisione, ma anche persone che hanno dimostrato una straordinaria resistenza nonostante abbiano sofferto dei colpi tremendi": "Per coloro che hanno perso tutto gli aiuti non possono mai arrivare troppo presto; ma stanno giungendo in quantità crescenti nonostante le gravissime difficoltà logistiche in una città dove tutti i servizi e le infrastrutture sono assenti". Dal primo giorno le Nazioni Unite hanno cooperato strettamente con gli Stati Uniti e i Paesi di Europa e America Latina, conclude Ban, osservando come "l'urgenza del momento" domini la pianificazione ma come occorra "pensare al domani": "haiti, nonostante la povertà, aveva fatto dei reali progressi, con una nuova stabilità e il ritorno degli investitori esteri: ciò non basterà a ricostruire il Paese, né vi sarà posto per miglioramenti che siano solo superficiali. Le persone nelle strade di Port-au-Prince chiedono lavoro, dignità e un futuro migliore, questa è la speranza di tutti i poveri del mondo".

Mgi

© riproduzione riservata