Lunedì 25 Gennaio 2010

Fiat chiude 2009 con perdita di 0,8 miliardi ma calano debiti

Roma, 25 gen. (Apcom) - La perdita netta del gruppo Fiat nel 2009 è stata di 0,8 miliardi di euro ed include un impatto di 0,6 miliardi di euro derivante da oneri atipici (nel 2008 l`utile netto era stato di 1,7 miliardi di euro). Questi i risultati per il 2009 diffusi dal gruppo Fiat, che spiega come nel quarto trimestre, rispetto allo stesso periodo del 2008, la perdita prima delle imposte è stata di 119 milioni di euro, mentre la perdita netta del periodo è stata pari a 283 mln. A fine 2009 l`indebitamento netto industriale del gruppo Fiat si è attestato a 4,4 miliardi di euro, in diminuzione di 1,5 miliardi rispetto a fine 2008. Questo, principalmente "grazie a una rigorosa gestione del capitale di funzionamento, incluse le significative azioni di riduzione degli stock in tutti i business". La riduzione dell'indebitamento è migliore sia rispetto agli obiettivi fissati che alle stime del consens segli analisti (che indicavano per fine 2009 un debito netto industriale a 5,015 miliardi). La liquidità del gruppo al 31 dicembre 2009 è pari a 12,4 miliardi di euro (da 3,9 miliardi di euro a fine 2008) e garantisce al gruppo "risorse adeguate per coprire le scadenze ben oltre il 2011" e assicurare al gruppo una "significativa flessibilità finanziaria". Nella nota, Fiat ricorda che nel secondo semestre dell'anno il gruppo è ritornato sui mercati dei capitali sia in Europa che negli Stati Uniti (beneficiando del progressivo ritorno alla normalità del mercato degli Abs) raccogliendo circa 5 miliardi di euro (4,7 mld) con l`emissione di quattro bond, che hanno ricevuto richieste di sottoscrizione per importi decisamente superiori a quelli offerti. Il Cda del Lingotto ha proposto un dividendo di 237 milioni.

Rbr

© riproduzione riservata