Martedì 26 Gennaio 2010

Giustizia/ Penalisti in sciopero fino al 29, serve vera riforma

Roma, 26 gen. (Apcom) - Nuovo sciopero degli avvocati penalisti: da domani al 29 gennaio, l`Unione Camere Penali Italiane ha proclamato un nuovo fermo delle udienze penali e dell`attività giudiziaria "in segno di protesta contro l`inerzia della politica circa la volontà di dare corso ad una riforma organica che preveda una rigida separazione delle carriere tra giudici e pm, sottragga il Csm al potere delle correnti e disciplini con uniformità l`esercizio dell`azione penale". "La riforma principe dalla quale partire e che salda ogni altra riforma sia generale sia di settore - afferma in una nota il presidente delle Camere Penali Oreste Dominioni - è indubbiamente la separazione delle carriere che deve restituire al giudice un forte potere di controllo giurisdizionale sul pubblico ministero". "Urgenti ed oramai indifferibili - prosegue Dominioni - sono anche la riforma del Csm, per liberarlo dai poteri delle correnti che mortificano l`indipendenza dei singoli magistrati, ed una nuova disciplina dell`obbligatorietà dell`azione penale per uscire dall`attuale situazione di discrezionalità incontrollata dei singoli uffici di procura nell`esercizio di questo potere". L`astensione dei penalisti si svolgerà in concomitanza con l`inaugurazione dell`anno giudiziario dell`avvocatura penale, fissata per il 28 gennaio a L`Aquila durante la quale verranno presentati dei dati sullo stato attuale della giustizia e avviate riflessioni per sottolineare le ragioni delle necessità e della improrogabilità di tali riforme.

Gic

© riproduzione riservata