Martedì 02 Febbraio 2010

Fiat/Blitz Casapound: 'sigilli' simbolici a 100 concessionarie

Roma, 2 feb. (Apcom) - Blitz di CasaPound Italia contro la Fiat con "sigilli" simbolici piazzati su in centinaia di concessionarie in tutta Italia, ingressi nastrati e cartelli eloquenti, come 'Odia l'Italia, prima fallisce meglio è'. CasaPound Italia rivendica il blitz messo a segno nella notte dai membri del centro sociale di estrema destra, con sede storica a Roma all'Esquilino: stamattina un centinaio di concessionarie della casa automobilistica in oltre 40 città italiane, da Torino a Palermo, sono state trovate 'sigillate' con il nastro bianco e rosso, a ricordare una 'scena del crimine', e circondate di striscioni. "Un'azione non violenta - sottolineano nella rivendicazione - un gesto simbolico ma dal sapore fortemente provocatorio": e 'Prima fallisce, meglio è. Per tutti', è lo slogan che si legge sui volantini lasciati davanti a tutti i punti vendita 'colpiti'. Casapound chiede lo stop agli incentivi "per auto prodotte all'estero sfruttando lavoratori stranieri sottopagati" e chiede "incentivi solo per auto prodotte in Italia"; riguardo agli stabilimenti di Pomigliano d'Arco e Termini Imerese, propone che siano "sequestrati, nazionalizzati e affidati a Finmeccanica e Fincantieri". A Roma i manifestanti si sono presentati all'apertura del punto vendita 'Fiat Center' di viale Manzoni, una delle concessionarie piu grandi della capitale, con bandiere di Cpi e striscioni con su scritto 'Fiat odia l'Italia, e, entrati nella concessionaria, hanno spiegato di voler mettere in atto un'occupazione simbolica e sono saliti sul tetto dello stabile. La questura di Roma conferma che i militanti sono sul tetto della concessionaria, gli agenti sono sul posto ma avvertono che al momento tutto si sta svolgendo pacificamente.

Aqu

© riproduzione riservata