Mercoledì 17 Febbraio 2010

Regionali/ Berlusconi cala il "poker rosa": 'test nazionale'

Roma, 17 feb. (Apcom) - Come nel 1994, Silvio Berlusconi chiama gli italiani ad una nuova "scelta di campo". E l'alternativa è sempre tra "la politica del fare" da un lato, e dall'altro "la sinistra delle parole" che nei sommari giudizi del premier vuole "reintrodurre l'Ici, mettere la patrimoniale, raddoppiare la tassazione sulle rendite finanziarie". Ecco allora che le Regionali di fine marzo diventano "elezioni nazionali", tra "l'Italia positiva e l'Italia distruttiva e denigratoria della sinistra". Giudizi che provocano la reazione del segretario Pd Pierluigi Bersani: "E' solo Berlusconi che tende a raffigurare il giudizio politico come un giudizio di Dio sulla sua persona. E' ora di ricordare a Berlusconi che ha avuto il Governo del Paese per sette anni: se ne assuma le responsabilità". Alla presentazione delle quattro candidate donna del Pdl per le Regionali, Berlusconi legge un discorso preparato, tutto giocato sulle differenze "antropologiche" tra il centrodestra e il centrosinistra. La "scelta di campo", per il premier, è "tra un governo che cerca di alimentare la fiducia, diffondere ottimismo e una sinistra che sa solo spargere pessimismo e autolesionismo. Una scelta di campo tra un governo che viene rispettato nel mondo e un'opposizione anti-italiana e anti-nazionale". Una rappresentazione, quella estremamente semplificata di Berlusconi, che vede il Pdl impegnato per "meno tasse, più verde, meno burocrazia e più libertà anche nell'ampliamento degli immobili con il 'Piano casa'". Le quattro candidate del Pdl alle elezioni regionali sono Renata Polverini (Lazio), Anna Maria Bernini (Emilia Romagna), Fiammetta Modena (Umbria) e Monica Faenzi (Toscana). Anche nelle cosiddette regioni 'rosse' - dice il Cavaliere - c'è una stanchezza antica che sta esplodendo" e dunque "nessuna delle nostre candidate parte sfavorita, in ognuna ci sono forti chance di vittoria".

Rea-Aqu

© riproduzione riservata