Mercoledì 24 Febbraio 2010

Biotestamento/ Si potrà sospendere nutrizione ai malati terminali

Roma, 24 feb. (Apcom) - Dovrebbe essere possibile in certi casi "eccezionali" sospendere la nutrizione e l'idratazione artificiale, laddove non siano più bastevoli alla vita, ovverosia nel caso dei malati terminali: la maggioranza ha modificato il disegno di legge sul testamento biologico e ammette la sospensione di quella che finora veniva considerata nel ddl parte delle terapie di cure. Nel progetto allo studio alla commissione Affari sociali della Camera è stato inserito un emendamento del relatore, Domenico di Virgilio (Pdl), secondo cui alimentazione e idratazione non possono mai essere sospese "a eccezione dei casi nei quali risultino non più efficaci nel fornire i fattori nutrizionali necessari alle funzioni fisiologiche essenziali del corpo". L'emendamento non modifica la sostanza della legge (che prescrive comunque l'obbligatorietà della nutrizione alla persona incosciente se questo è sufficiente alla vita); insomma nel celeberrimo caso Englaro, Eluana sarebbe rimasta sotto sondino. Difatti il Sottosegretario alla Salute Eugenia Roccella, che ha dato il parere favorevole del Governo, ha precisato che "questa apertura non è il riconoscimento di aver sbagliato con il testo Calabrò" licenziato dal Senato. Anzi l'emendamento, ha detto, è necessario per la presentazione di un altro emendamento - ancora non approvato - che allarga la platea di persone alle quali si applicherà la legge non solo ai pazienti in stato vegetativo ma anche ai malati terminali. Tuttavia l'emendamento ha provocato proteste. Le deputate del Pdl Melania De Nichilo Rizzoli e Alessandra Mussolini sono uscite al momento del voto. Quest'ultima, a quanto riferito, ha parlato di "uno sbraco" della maggioranza. Nell'opposizione, il Pd - ha spiegato la capogruppo Livia Turco - ha votato "con rammarico" contro l'emendamento, ritenendolo peggiore di quello che aveva presentato sullo stesso tema e che è stato precluso dal voto di oggi. Assente dalla commissione l'Idv, secondo cui "L`emendamento Di Virgilio è inutile, velleitario e, a nostro avviso, non cambia di una virgola un testo anticostituzionale ed oscurantista".

Aqu

© riproduzione riservata