Mercoledì 24 Febbraio 2010

M.O./ Scandalo Hamas: Figlio del fondatore era agente israeliano

Gerusalemme, 24 feb. (Ap) - E' una rivelazione che fa tremare tutta Hamas, l'organizzazione estremista palestinese: nei suoi ranghi si annidava una talpa d'eccellenza, un uomo insospettabile che dopo aver fatto la spia per Israele per anni, oltretutto è scappato, si è convertito al cristianesimo e ora vive in California. Mosab Hassan Yousef, figlio di uno dei fondatori di Hamas, è stato per anni un agente dei servizi di sicurezza interna israeliani, lo Shin Bet, secondo quanto pubblica il quotidiano israeliano Ha'aretz. Secondo il quotidiano le informazioni da lui passate allo Shin Bet avrebbero permesso di evitare numerosi attentati suicidi, salvando centinaia di vite umane: la sua collaborazione avrebbe portato all'arresto di esponenti palestinesi di altissimo rango quali Marwan Barghouti (leader dei Tanzim, colui che i suoi sostenitori chiamano il "Mandela palestinese" e dichiarano un innocente in carcere), Ibrahim Hamid (comandante di Hamas in Cisgiordania) e Abdullah Barghouti (altro attivista di Hamas). Spinto dai legami del sangue, comunque, Mosab Hassan Yousefa avrebbe anche impedito un omicidio mirato israeliano nei confronti del padre Hassan, attualmente detenuto in un carcere dello Stato ebraico. Yousef sarebbe stato reclutato dallo Shin Bet durante la Seconda Intifada, con il nome in codice di "Principe Verde". La sua storia pare affascinante: se ne dovrebbe sapere di più nelle prossime settimane con la pubblicazione di una sua biografia. Lasciò i Territori nel 2007 per trasferirsi in California, dopo essersi convertito al cristianesimo. "Hamas non è in grado di fare la pace con gli israeliani, va contro quel che il loro Dio dice loro: è impossibile fare la pace con gli infedeli, solo una tregua, e nessuno lo sa meglio di me", ha spiegato Yousef intervistato telefonicamente dal quotidiano, accusando la dirigenza di Hamas di essere responsabile de facto dell'omicidio dei palestinesi, non degli israeliani.

Mgi

© riproduzione riservata