Mercoledì 24 Febbraio 2010

Ambiente/ Marevivo:disastro Lambro,10mila specie marine a rischio

Roma, 24 feb. (Apcom) - Le tonnellate di gasolio e olio combustibile riversate nel fiume Lambro fuoriscite dalle cisterne della Lombarda Petroli "rischiano di finire nel Mar Adriatico con gravi danni per l`ecosistema marino del Mediterraneo", mettendo in pericolo circa 10mila specie marine tra fauna e vegetali. A lanciare l'allarme è Rosalba Giugni, presidente dell`associazione Marevivo, che chiede l`intervento immediato della Regione Lombardia e del Governo sulla vicenda dell'inquinamento del fiume Lambro, dove ignoti hanno sversato oltre 600 mila litri di gasolio e olii combustibili, aprendo i collettori di collegamento di tre cisterne del deposito della ex raffineria Lombarda Petroli a Villasanta, in provincia di Monza. "Il Mediterraneo accoglie tra le 10.000 e le 12.000 specie marine, di cui circa 8.500 di fauna macroscopica e 1.300 vegetali - spiega Giugni - Questa diversità biologica così ricca rappresenta dall'otto al nove percento del numero totale di specie marine al mondo. Disastri ambientali come quello del Lambro hanno conseguenze sull`intero ecosistema - prosegue Giugni - E' necessario attuare misure preventive perché è inammissibile che nonostante i piani di emergenza che le industrie sono obbligate a fornire si verifichino catastrofi come quella che sta vedendo protagonista il fiume Lambro. Il mare rappresenta l`ultimo Eden dell`uomo."

Apa

© riproduzione riservata