Mercoledì 24 Febbraio 2010

Immigrati/ Berlusconi: Sinistra vuole invasione. Fini si smarca

Roma, 24 feb. (Apcom) - Le distanze tra i due sul tema sono ormai agli atti. Oggi una dimostrazione ulteriore, con il premier Silvio Berlusconi in trincea contro "la sinistra" che "vuole spalancare le porte ai cittadini stranieri" e il Presidente della Camera Gianfranco Fini a mettere in risalto le differenze con il Cavaliere. Berlusconi interviene durante la presentazione dei 'Promotori della libertà' e mette in guardia da una sinistra che "vuole un'invasione di stranieri perché pensa che si possa cambiare il peso del voto che ha visto la vittoria dell'Italia moderata". Da Bruxelles Fini, in visita al Parlamento europeo, replica poco dopo: parlare di questo argomento e del tema dell'integrazione e della sicurezza in campagna elettorale "non porta a risolvere i problemi". "Non è questa la sede per rispondere, e dall'altra la opinione su queste questioni è notorio che non coincide al cento per cento con quella del presidente del Consiglio", sottolinea l'ex leader di An, anche perché "un approccio collegato a una campagna elettorale" risulta "fuorviante perchè non porta a risolvere i problemi". Il ministro dell'Interno Roberto Maroni, dal canto suo, torna a contestare l'Ue perché, avverte, il suo contributo nel contrasto all'immigrazione clandestina "non è sufficiente". E intanto i vescovi indicano il Mezzogiorno come "laboratorio ecclesiale" per l'accoglienza degli immigrati, così come per il dialogo interreligioso che diventa necessario dalla presenza, tra gli stranieri, di persone di altre fedi.

Tom

© riproduzione riservata