Trani/ Capristo: Su pm violenti schizzi di fango

Trani/ Capristo: Su pm violenti schizzi di fango "Noi lavoriamo nel solco delle norme"

Trani/ Capristo: Su pm violenti schizzi di fango
Roma, 15 mar. (Apcom) - "La Procura di Trani sta ricevendo violenti schizzi di fango. Senza conoscere le carte si stanno mettendo in discussione la nostra professionalità, la nostra abnegazione, il nostro rispetto delle regole. E questo nonostante il silenzio che ci siamo imposti sugli atti dell`inchiesta". Il Procuratore della Repubblica di trani, Carlo Maria Capristo, in una intervista al quotidiano la Gazzetta del Mezzogiorno, replica così alle polemiche divampate in questi giorni attorno all'inchiesta pugliese.A chi si riferisce? Al presidente del Consiglio, che ha definito l`inchiesta ridicola, al ministro Alfano che le invierà gli ispettori, ai giornalisti? "A nessuno in particolare. Prendo atto - risponde Capristo - di una situazione che nel suo complesso sta offendendo il nostro lavoro. Ma con questo non voglio tirare in ballo nessuno. Si stanno ipotizzando veleni, strumentalizzazioni, e tirando fuori questioni personali che non c`entrano nulla con l`inchiesta"."Noi dobbiamo lavorare nel solco delle norme, tra cui - continua il Procuratore nell'intervista al quotidiano pugliese - anche quella del silenzio investigativo. Non sta a noi dare comunicati per smentire o confermare certe circostanze o notizie, anche se magari ciò possa esser auspicato da chi si sente coinvolto nell`inchiesta. Finora ho letto di dichiarazioni su fatti dell`indagine imputate a fonti vicine alla Procura ma mai nessuna dichiarazione con tanto di paternità. Ciò non fa che confermare il fatto che né io, né tantomeno i miei colleghi, parliamo dell`inchiesta".Quando parla di fango si riferisce anche alle interpretazioni sul rapporto tra lei ed il sostituto Michele Ruggiero?"Certo anche a questo. Non è vero - sottolinea Capristo - che ci siano frizioni, tantomeno veleni. Anche questo è fango".Sulla fuga di notizie, il Procuratore afferma: "Certamente non è un fatto positivo. È una storia su cui voglio andare a fondo nonostante tutte le difficoltà di questi casi".

© RIPRODUZIONE RISERVATA