Pasqua/ Per italiani un pranzo di relax: durerà quasi tre ore

Pasqua/ Per italiani un pranzo di relax: durerà quasi tre ore Otto su dieci rimarranno in famiglia. Nove milioni in viaggio

Pasqua/ Per italiani un pranzo di relax: durerà quasi tre ore
Milano, 4 apr. (Apcom) - Gli italiani trascorreranno circa il 20per cento della loro domenica di Pasqua con le gambe sotto iltavolo, dedicando al pranzo poco meno di tre ore. Lo sostiene laColdiretti, nell'ultima delle tante stime dedicate al rapportotra gli italiani e la Pasqua, sottolineando che sei su dieci latrascorreranno in famiglia spendendo mediamente circa 25 euro atesta per cucinare una specialità tipica della tradizione delproprio territorio.Secondo la Confederazione italiana agricoltori (Cia) ottoitaliani su dieci mangeranno tra le mura domestiche, spendendonon più di 150 euro a famiglia e facendo così registrare unacrescita dei consumi, ma solo in valore e non in quantità,rispetto al 2009.Ad unire il Paese da Nord a Sud, saranno le uova che come ogni anno caratterizzeranno l'imponenente menù pasquale e abbelliranno le case e le tavole. Per la Coldiretti saranno "400 milioni le uova 'ruspanti' consumate durante la settimana di Pasqua, un numero superiore di quasi dieci volte a quelle di cioccolata". Insieme con le uova, oggi non mancherà (vegani e vegetariani, esclusi) nemmeno la carne di agnello "che verrà servita su quasi una tavola su tre nelle classiche ricette al forno, arrosto con le patate, al sugo o brodettato".L'alternativa (economica) al pranzo in casa o al ristorante, è il pic-nic nel corso di una gita fuori porta. Secondo una stima dell'Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza (su dati Istat, Federconsumatori, Registro Imprese, Fipe, Mse, Ref), saranno infatti in molti gli italiani che quest'anno, a causa degli effetti della crisi, opteranno per "la Pasqua low cost". Alternativa che però dovrà fare i conti con il maltempo che sta imperversando soprattutto al Nord. Molti, tra istituti e associazioni, prevedono inoltre un boom per gli agriturismi, con una stima di 335mila-400mila persone che hanno scelto questa destinazione soprattutto per il giorno di Pasquetta.Il 17,6 per cento degli italiani, 8,9 milioni rispetto ai 6milioni del 2009, sono già partiti o stanno per partire perandare in vacanza. La stima è dell'Osservatorio nazionale delturismo che spiega che in questo inizio di primavera 7,2 milionidi italiani (81,1 per cento) hanno scelto di restare nel BelPaese e oltre 1,5 milioni andranno all'estero, tra lecapitali culturali (60,9 per cento) e le destinazioni balneari(25,1). Nel solo periodo di Pasqua il turismo degli italianiattiverà consumi per oltre 4,8 miliardi di euro, dei quali 3,2miliardi resteranno in Italia. In media,infatti, sempre secondol'Osservatorio nazionale del turismo, la previsione di spesa procapite è di 443 euro per i soggiorni in Italia e 1043 euro perquelli all'estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA