Omicidio lago Como/ Vittima non ancora identificata, forse escort

Omicidio lago Como/ Vittima non ancora identificata, forse escort Forse dell'Est Europa, come le tante che lavorano in Svizzera

Omicidio lago Como/ Vittima non ancora identificata, forse escort
Milano, 4 apr. (Apcom) - Della giovane e avvenente donna ripescata venerdì scorso nelle acque del lago di Como al momento, di certo, c'è ancora solo la ferocia con la quale è stata uccisa: la gola squarciata da una pesante arma da taglio che l'ha quasi decapitata. Il resto sono ipotesi, la più credibile delle quali potrebbe essere quella che la ragazza fosse una escort originaria dell'Est Europa, come ce ne sono tante nel vicino Canton Ticino, impiegate nei locali di lap dance o nelle case di appuntamenti che punteggiano la Svizzera italiana, e che spesso si accompagnano a clienti italiani per un fine settimana sul lago.Al momento però, per quel che è dato di sapere, nessuno si è fatto vivo con i carabinieri di Como per dare informazioni utili, dopo che gli stessi militari, ieri, avevano diffuso la foto del viso e dei tatuaggi (un sole sulla spalla sinistra e un Cupido sul seno sinistro) della bella ragazza alta un metro e 72 centimetri e con i capelli a caschetto ramati. Così, la ragazza continua a non avere un nome, dato che le sue impronte digitali non sono catalogate nei database italiani, i profili delle persone scomparse denunciate non corrispondono al suo e dai primi accertamenti negli alberghi e nei locali della zona non è emerso alcunché.Dallo studio delle correnti è emerso che la donna potrebbe essere stata picchiata, sgozzata e buttata nel lago all'altezza di Nesso, paese sulla sponda opposta a quella di Laglio dove poi il cadavere è riaffiorato a circa un chilometro dalla celebre villa di George Clooney. L'autopsia prevista per martedì prossimo dovrebbe chiarire alcuni aspetti tra cui il giorno della morte, che da un primo esame sarebbe da collocare tra mercoledì e giovedì scorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA