Giovedì 15 Aprile 2010

Pdl/ Berlusconi a Fini: Se fai gruppo lasci presidenza Camera

Roma, 15 apr. (Apcom) - Un colloquio molto teso, al termine del quale i due co-fondatori del Pdl sarebbero rimasti ognuno dalla sua parte della linea di battaglia. Secondo quanto viene riferito, infatti, all'ipotesi lanciata da Gianfranco Fini di creare gruppi autonomi dal Pdl, Silvio Berlusconi avrebbe risposto invitandolo a pensarci bene, valutando anche la possibilità che questo comporterebbe la necessità di rinunciare al ruolo di presidente della Camera che ora ricopre anche in virtù del fatto di essere espressione del partito di maggioranza relativa della coalizione. A chi ha avuto modo di parlargli, il premier ha tuttavia spiegato di essere "molto sereno". Non ho mai costretto nessuno a rimanere - sarebbe stato il suo ragionamento - se vuole andar via la porta è aperta. Non ho mai trattenuto nessuno contro la sua volontà, ma Gianfranco ci deve pensare bene. Concetto che il presidente del Consiglio avrebbe espresso allo stesso Fini. Berlusconi, tra l'altro, avrebbe citato dei sondaggi a sua disposizione secondo i quali il presidente della Camera non godrebbe di lusinghiere percentuali di consensi se decidesse di andare da solo. Tuttavia, viene sempre riferito, Berlusconi a Fini avrebbe cercato soprattutto di far notare che l'eventuale rottura avverrebbe in un momento in cui invece il Popolo della libertà ha dimostrato la sua forza. In queste elezioni - avrebbe ragionato il Cavaliere - gli italiani hanno dimostrato di essere con il partito, di essere con me. Io ho tutte le intenzioni di andare avanti e di fare le riforme.

Bac/Sar

© riproduzione riservata