Lunedì 19 Aprile 2010

Calcio/ Lazio, Ledesma: Mai pensato a Tagliavento in malafede

Roma, 19 apr. (Apcom) - All'indomani della sconfitta nel derby con la Roma il regista della Lazio, Cristian Ledesma, ha chiarito il senso di alcuni commenti lasciati sul suo blog personale nel corso di una lunga chiacchierata con i tifosi biancocelesti. "Mi sono accorto che a seguito della mia chiacchierata settimanale sul blog coi tifosi, molte mie dichiarazioni riguardanti l'arbitraggio del sig.Tagliavento sono state purtroppo fraintese", ha rettificato Ledesma riferendosi ad alcune sue affermazioni circa la direzione di gara, in particolare su presunti falli da espulsione dei romanisti Francesco Totti e Cristian Ledesma non ravvisati dall'arbitro di Terni. "Mi sembra doveroso chiarire che quando parlavo di indirizzamento della partita non intendevo affatto dubitare della buona fede dell'arbitro ma soltanto rispondere a un tifoso che mi chiedeva il perchè del cambiamento di atteggiamento della squadra tra il primo e il secondo tempo", ha spiegato Ledesma, "e mi rifervo a tutti gli episodi, sia a nostro favore che a nostro sfavore". Nel corso della chiacchierata con i tifosi Ledesma, tra i commenti lasciati ha scritto che "la manata su Dias (di Totti; ndr) secondo me era da rosso, ma forse con un altro arbitro". Implicita l'accusa al capitano della Roma anche nel post che ha dato il via alle decine di commenti dei tiofosi e al botta e risposta con il giocatore: "Bisogna saper perdere, ma bisogna anche saper vincere. E' questione di stile e sportività: qualcuno ne è sprovvisto", ha scritto Ledesma, espulso ieri nel finale della stracittadina persa 2-1. Il risultato di ieri ha confermato la Roma al comando della classifica avvicinando nuovamente la Lazio alla zona retrocessione con quattro giornate da disputare.

Grd-Caw

© riproduzione riservata