Lunedì 26 Aprile 2010

L'Unesco proteggerà archivi Società delle Nazioni, lunghi 6 km

Ginevra, 26 apr. (Apcom) - Gli archivi della Società delle Nazioni (Sdn), circa sei chilometri di documenti allineati nel sottosuolo del Palazzo delle Nazioni a Ginevra, saranno iscritti nel Registro della "Memoria del Mondo" dell'Unesco, l'agenzia culturale delle Nazioni unite. Lo ha annunciato oggi l'Onu. "E' un tesoro nascosto. Si tratta di farne un tesoro utile e utilizzato", ha detto alla stampa il bibliotecario capo della Biblioteca dell'Onu, Pierre Le Loarer. L'iscrizione nel Registro dell'Unesco sarà ufficializzata mercoledì. La Sdn (1919-1946) è l'antenata dell'Onu e i suo archivi sono conservati nel Palazzo delle Nazioni a Ginevra, un immenso edificio costruito appositamente per la Sdn negli anni '30 e che oggi accoglie la sede europea dell'Onu. Questi sei chilometri di documenti sono minacciati e la loro iscrizione nel Registro dell'Unesco permetterà di salvaguardarli, spera Le Loarer. Delle inondazioni dovute ad una canalizzazione difettosa hanno danneggiato 12 tonnellate di archivi nel giugno 2007, ha ricordato il bibliotecario. "I ricercatori riscoprono attualmente questi archivi perché dei problemi attuali che si credevano nuovi in realtà erano già dibattuti all'epoca", ha spiegato Le Loarer che ha citato la crisi economica del 1929, la questione del disarmo e il traffico di essere umani. Inoltre diverse attività delle agenzie dell'Onu si ritrovano in germe negli archivi della Sdn, ha sottolineato. "C'è una sorta di movimento a spirale della storia: riemergono delle problematiche ma sotto una luce diversa", ha spiegato ancora Le Loarer per il quale "il lavoro di memoria non può che arricchire il dibattito evitando il ripetersi degli errori del passato". (Segue) (con fonte Afp)

Ihr

© riproduzione riservata