Giovedì 29 Aprile 2010

Intercettazioni/ Di Pietro:Referendum o legge popolare contro ddl

Roma, 29 apr. (Apcom) - L'Idv voterà contro il ddl sulle intercettazioni e intanto valuterà se presentare un referendum o una legge di iniziativa popolare per fermarlo. Lo dice Antonio Di Pietro in un'intervista all'Unità. "Faremo una forte campagna d`informazione. Abbiamo lanciato i tre referendum: no alla privatizzazione dell`acqua, alle centrali nucleari e al legittimo impedimento. Stiamo valutando se allegarne uno sulle intercettazioni o raccogliere le firme per fare una legge di iniziativa popolare che corregga questa norma", spiega il leader di Idv. Secondo Di Pietro "l`idea di rivedere lo strumento delle intercettazioni è sbagliata in sé, perché la magistratura e le forze dell`ordine in questi anni hanno fatto fronte alla criminalità organizzata proprio grazie a questo. Si parla tanto di riforme, di occupazione, difesa dell`ambiente, e invece si occupa il Parlamento solo per fare leggi ad uso e consumo della criminalità, sempre i soliti colletti bianchi. E con questo ddl si favorisce la mafia". Per quanto riguarda le norme che limitano la pubblicazione l'ex pm aggiunge: "Non solo è immorale, ma incostituzionale. Il cittadino non solo ha il diritto di sapere perché un magistrato procede e se lo fa correttamente, ma ha diritto di conoscere fatti che riguardano amministratori pubblici".

Gal

© riproduzione riservata