Giovedì 29 Aprile 2010

Gb/ L'Ecomonist sceglie Cameron: merita di governare

Roma, 29 apr. (Apcom) - L'Economist anticipa oggi la sua scelta. Il prestigioso settimanale britannico a una settimana dal voto del 6 maggio rompe gli indugi e, a differenza dell'ultima volta opta, per i tories. Nell'editoriale che aprirà il numero in edicola venerdì, l'Economist spiega di optare per Cameron considerata la "decisiva necessità di una riforma del settore pubblico". Quanto a Brown, la sue esperienza è liquidata: troppo "stanco" il suo governo, troppo "legato a un vecchio statismo ormai fuori moda" il premier. "Lasciate perdere le ipotesi fantasiose, guardate alle politiche: Su questa base, i conservatori meritano di vincere". Apre così, senza esitazioni, l'editoriale sul voto della settimana prossima. "L'economist - prosegue - non ha nessuna fedeltà ancestrale verso alcun partito ma un durevole pregiudizio a favore del federalismo". È una scelta di campo, dice il giornale, "che non ci ha impedito di schierarci con Obama contro Mccain, con Blair contro Howard, col centrosinistra italiano contro Berlusconi... Ma in questo voto britannico la questione decisiva è quella della riforma del settore pubblico. Non è solo il deficit di bilancio - l'11,6% del Pil - a rendere inevitabili aumenti fiscali e tagli alla spesa. C'è anche il governo, da cui dipende adesso il 50% dell'economia (sino al 70% in Irlanda del Nord). Se la Gran bretagna vuole tornare a crescere e prosperare deve affrontare questo autentico Leviatano illiberale. I conservatori sono i più adatti per farlo ed è per questo motivo che 'votiamo' per loro". Quanto a Clegg, l'Economist fa un distinguo. La sua rimonta e la sua campagna elettorale sono state "emozionanti" e l'uomo ha charme, fascino, carisma. Ma "guardate alle politiche piuttosto che all'uomo: i libedem, vedete, appaiono allora meno convincenti". Troppo europeisti, stanno carezzando l'idea di rinunciare al nostro deterrente nucleare e insistono nel progetto "sbagliato" di portare la Gran Bretagna nell'Euro. Si preoccupano del clima ma sono contrari al nucleare ("Il modo più plausibile per tagliare le emissioni di gas..."). Insomma: vecchie politice, per l'economist, e per di più confuse.

VGP

© riproduzione riservata