Giovedì 13 Maggio 2010

Cassazione/ No a trasferte istituzionali con familiari pagate

Roma, 13 mag. (Apcom) - "La Cassazione ha detto basta ai 'furbetti' della politica e mette in chiaro che le trasferte vanno fatte solo per ragioni istituzionali e non per fare viaggi con le proprie consorti e compagne. Un tour nelle capitali europee o un week end nelle città d'arte. Viaggi personali con moglie e compagne pagate però dallo Stato. I politici devono mettere un freno alle trasferte effettuate con le mogli, soprattutto per questioni non istituzionali. Per i 'furbetti' si parla di truffe aggravate e falsi ideologici contestati". Lo rende noto Giovanni D'Agata, componente del dipartimento Tematico nazionale 'Tutela del Consumatore' di IDV "Il monito arriva dopo che la Corte si è dovuta occupare di una serie di casi di truffe aggravate e falsi ideologici contestati al sindaco di San Giovanni Rotondo ed ad alcuni suoi assessori, bacchettati dalla Cassazione che con una certa frequenza se ne andavano in viaggio con moglie e compagne a spese del Comune. Gli illeciti - riferisce D'Agata ricostruendo la sentenza 18071 della V Sezione penale - venivano giustificati presentando tabelle di missione in cui indicavano spese sostenute per motivi istituzionali dei diversi tour in svariate città d'Italia tra cui Roma, Milano, Napoli, Firenze, Rimini e Ischia. Sindaco e assessori ottenevano anche il rimborso delle spese dello loro compagne di cui non dichiaravano la presenza limitandosi a presentare fatture maggiorate in relazione al costo di viaggio e soggiorno". Secondo D'Agata quella della Cassazione "è una sentenza che costituisce un primo giro di vite contro il malcostume di alcuni politici di approfittare di benefici legati agli incarichi ricoperti". Red/Sav 132038 mag 10

Kat

© riproduzione riservata