Venerdì 14 Maggio 2010

Appaltopoli/ Berlusconi: Nessuna impunità per chi ha sbagliato

Roma, 14 mag. (Apcom) - Se qualcuno ha sbagliato non avrà "nessuna indulgenza o impunità", ma bisogna fermare le "isterie" e le "liste di proscrizione" perchè "è inaccettabile che l'elenco dei clienti di una azienda venga presentato dai giornali come una lista di colpevoli". E' quanto dichiara in una nota il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, a proposito delle inchieste su 'appaltopoli' e dell'elenco dei vip e politici per i quali la ditta dell'imprenditore Diego Anemone ha svolto dei lavori. "Se ci saranno uno, due, tre casi di comportamenti illegittimi saranno i magistrati ad accertarlo. E in questa ipotesi - assicura Berlusconi - ci sarà severità di giudizio e di decisione nei confronti di chi fa politica ed ha responsabilità pubbliche. Nessuna indulgenza e impunità per chi ha sbagliato. Ma, per favore, basta con queste assurde isterie, con queste liste di proscrizione che gettano aprioristicamente ed indiscriminatamente fango su persone innocenti".

Rea

© riproduzione riservata