Lunedì 24 Maggio 2010

Calcio/ Mourinho: Sarà grande sfida contendere Liga al Barcellona

Roma, 24 mag. (Apcom) - A dispetto di un contratto che, tutto sommato, ancora lo lega all'Inter, ad appena due giorni dal trionfo nella finale di Champions League contro il Bayern Monaco (2-0), Jose Mourinho parà già da allenatore del Real Madrid. "Sarà un'enorme sfida provare a contendere la Liga al Barcellona, una squadra che ha appena vinto il campionato sfiorando i 100 punti", ha detto il tecnico alla tv portoghese TVI. Il Barcellona ha vinto il campionato spagnolo con 99 punti, a 3 sul Real. "Tutti dicono che perderò questa sfida - ha aggiunto Mourinho - perché il Real Madrid non incarnerebbe la mia filosofia o perché questo club non segue la linea che io credo si debba tenere". Il suo obiettivo, però, ormai è noto, è diventare il primo allenatore a vincere la Champions con 3 squadre diverse (l'ha già vinta anche con il Porto). Mourinho questo però lo aveva detto a Marca in una intervista concessa prima della finale di sabato e della quale il quotidiano spagnolo pubblica oggi la seconda parte. "Sono capace di vincere la Champions con il Real, ma vorrei anche essere il primo allenatore a fare il Grande Slam", ha detto. Ovvero: "Vincere in Inghilterra, Italia e Spagna". Detto poi che la rosa attuale del Real Madrid "ha qualità", Mourinho, che in settimana dovrebbe firmare il contratto con la Casa Blanca (che dovrà cosdì pagare all'Inter una clausola da 16 milioni di euro), si dice da 10 milioni di euro per 4 stagioni, starebbe già lavorando per portare al Real i giocatori adatti al suo progetto. Così se la Roma trema per la possibile mega-offerta da 55 milioni di euro per Daniele De Rossi e l'Inter potrebbe vedersi "sfilare" Maicon, l'allarme sarebbe scattato anche tra le grandi d'Inghilterra, visto che fra i possibili desideri espressi dal vate di Setubal al suo nuovo munifico presidente Florentino Perez ci sarebbero i nomi di Frank Lampard e Ashley Cole del Chelsea, Steven Gerrard del Liverpool, Wayne Rooney del Manchester United, Robin Van Persie dell'Arsenal, Emmanuel Adebayor del Manchester City e Fernando Torres del Liverpool.

CAW

© riproduzione riservata