Mercoledì 26 Maggio 2010

Parmalat/10 anni a Calisto Tanzi e danni per 105 mln in appello

Milano, 26 mag. (Apcom) - Dieci anni di reclusione per Calisto Tanzi. E' la sentenza emessa dai giudici della seconda sezione della corte d'appello di Milano nel processo Parmalat, dove Tanzi e altri imputati rispondono di aggiotaggio, ostacolo alla Consob e falso in revisione. I giudici erano entrati in camera di consiglio alle 10.25 e la sentenza è arrivata dopo sei ore, confermando per Tanzi la condanna emessa in primo grado. Tanzi rispondeva insieme ad altri imputati di aggiotaggio, falso in revisione, ostacolo alla Consob in relazione al crack della Parmalat da 15 miliardi di euro nel dicembre 2003. I giudici di secondo grado hanno anche riformato parzialmente la condanna del tribunale condannando il consigliere "indipendente" Luciano Silingardi a tre anni di reclusione e Giovanni Bonici, responsabile di Parmalat Venezuela a due anni e sei mesi. Inoltre, l'ex patron di Parmalat dovrà risarcire circa 105 milioni di euro, cioè il 30% del danno, ai risparmiatori danneggiati dal crack dell'istituto di Collecchio. Tanzi dovrà risarcire in via solidale, insieme ai manager Bonici e Silingardi, entrambi condannati oggi dopo l'assoluzione in appello del dicembre 2008.

apa/frank

© riproduzione riservata