Mercoledì 26 Maggio 2010

In 2009 'rapiti' 30mila cani di razza, in testa Toscana e Umbria

Roma, 26 mag. (Apcom) - Oltre 30mila cani di razza in Italia sono spariti nel 2009: i dati sono basati sulle segnalazioni e le denunce arrivate allo sportello animali di Aidaa e segnano un incremento di circa l'13 % sullo stesso dato del 2008, quando a essere 'rapiti' furono 26.000 cani. Un business, quello dei rapimenti di cani pregiati, da oltre 18 milioni di euro all'anno. In testa alla classifica delle sparizioni di cani di razza ci sono la Toscana (21%) seguita dall'Umbria con il 16% e subito dopo l'Emilia Romagna con il 13% delle sparizioni denunciate. A seguire Veneto (8,6%), Lombardia, (7,9%) Lazio (5,9%) e Piemonte con il 5,6%. In particolare i cani scomparsi e rapiti sono in giovane età e si tratta di cani destinati alla ricerca dei tartufi o di cani da caccia, ma sono in aumento anche i rapimenti di cani di razza pregiata di piccole dimensioni che complessivamente si attestano attorno ai 5.000 casi, l'anno con un incremento del 22% rispetto all'anno precedente quando complessivamente le segnalazioni raccolte furono poco meno di 4.000. Le razze predilette dai rapitori sono specifiche e, in particolare per quanto riguarda i cani da tartufo, vengono prediletti i pointer, il kurzaar, il bracco ungherese ed alcune razze da cerca e riporto come lo springer spaniel ed il cocker spaniel inglese. Per quanto riguarda i cani da caccia, le razze predilette sono quelle del segugio maremmano, tutti i cani delle razze setter e il bracco italiano. Da una stima fatta insieme ad alcuni allevatori di razze canine il giro di affari derivato da questi rapimenti e delle relative cucciolate si aggira ogni anno sui 18.000.000 di euro.

Red/Apa

© riproduzione riservata