Domenica 13 Giugno 2010

Intercettazioni/ Pecorella: Alla Camera la legge va modificata

Roma, 13 giu. (Apcom) - La legge sulle intercettazioni dovrebbe essere modificata nel passaggio alla Camera. A suggerirlo non un esponente dell'opposizione bensì Gaetano Pecorella, onorevole del Pdl e avvocato del premier Silvio Berlusconi in una intervista a 'La Stampa'. Nessuna presa di distanze dalla legge appena licenziata dal Senato, ha subito premesso il legale, ma "una legge va fatta con la testa e non con la rivoltella". "Con il governo Prodi si arrivò a un testo concordato in Commissione Giustizia tra Tenaglia e me, approvato in aula all'unanimità con solo 4 astenuti. Quindi si può trovare un incontro". A giudizio di Pecorella è possibile cercare un compromesso su almeno tre punti che necessitano un aggiustamento. "Il testo uscito dal Senato - ha detto Pecorella - è per molti versi accettabile ma può essere migliorato sui temi costituzionali della privacy, della giustizia e della libertà di stampa, equilibrandoli meglio. Cambiamenti che non modificano il cuore del provvedimento ma che superano obiezioni ragionevoli dei giornali, dell'opposizione e del mondo della cultura universitaria". MAZ giu 10

MAZ

© riproduzione riservata