Lunedì 28 Giugno 2010

G20/Berlusconi:Possibile tagliare deficit, basta sprechi Regioni

Toronto, 28 giu. (Apcom) - Obiettivo "ottimistico", quello che ci si è posti al vertice del G20 circa la riduzione del deficit, ma "raggiungibile". Soprattutto se ci si concentrerà nella riduzione degli sprechi dei soldi dei contribuenti che abbondano nell`amministrazione dello Stato e delle autonomie locali. Silvio Berlusconi parte dal comunicato finale del vertice di Toronto per chiudere la porta alle richieste delle regioni, che anche oggi - attraverso una lettera di 5 governatori, tutti del Pdl, al ministro Tremonti - hanno chiesto di riaprire il confronto sui pesanti tagli che la manovra impone loro. Un `no`, quello di Berlusconi, pronunciato in maniera netta: tagliare "è sempre difficile e doloroso - ammette - ma non si può andare avanti così a sprecare i soldi dei cittadini". Anche perché "abbiamo messo gli occhi dentro l'amministrazione dello Stato, di Regioni, Province e Comuni, e ci si è accapponata la pelle", dice nella conferenza stampa al termine del G20, nella notte italiana. Certo, riconosce, "è chiaro che chi ha la responsabilità di una Regione difende lo status quo, perchè molto spesso si tratta di abolire enti, il che vuol dire persone che si devono cercare un`altra occupazione", tuttavia così "non si può continuare: è una cosa scontata". La risposta alle Regioni è il solo accenno alle vicende italiane, insieme all`annuncio che la modalità del voto degli italiani all`estero verrà cambiata: "Lo faremo sicuramente entro la fine della legislatura", dice il premier da Toronto, dove vive una delle più grandi comunità italiane all`estero. Che non rischierà comunque di vedersi tolto un diritto da poco ottenuto: "E` stata una conquista", rassicura Berlusconi. Del caso Brancher, il premier non vuole invece proprio occuparsi, almeno davanti ai taccuini, e così neanche quando al termine della conferenza stampa si ferma a raccontare il match tra Germani e Inghilterra ai Mondiali ("Abbiamo vissuto in diretta la tragedia di Cameron e mano a mano che arrivavano i gol la Merkel era sempre più brillante") Berlusconi raccoglie lo spunto proposto da una cronista, che a proposito di Mondiali gli chiede se abbia letto l`autodifesa del ministro alle telecamere del Tg3: "Sì, sì?", borbotta lasciando la sala. Meglio parlare del G20, della possibilità dell`Italia di raggiungere gli obiettivi proposti. Che diventano ancora più ambiziosi nell`interpretazione di Berlusconi, che parla di "eliminare il deficit entro il 2016" quando il vertice ha chiesto di dimezzarlo entro il 2013: "Ora mettiamoci di buzzo buono per raggiungere il 3% nel 2012 come l`Europa ci ha giustamente richiesto, e poi diamoci anche l`obiettivo di non avere deficit: poco a poco, percorrendo la strada della riduzione delle spese, dell`eliminazione degli sprechi e della cassazione benefici". Ma accanto a lui siede chi il deficit dovrà effettivamente ridurlo, Giulio Tremonti, e così Berlusconi spiega che "parlando con il nostro ministro che era già preoccupato di dover arrivare all'obiettivo nel 2016, ho detto ottimistico per fargli una carezza? Però penso che si possa raggiungere, o almeno questo è il mio pensiero''. Ma Tremonti chiosa con un sorriso: "Stava parlando del mondo, del G20?Sono grandi mete, grandi ambizioni".

Rea

© riproduzione riservata