Sabato 17 Luglio 2010

Messico/ I narcotrafficanti usano per la prima volta un'autobomba

Ciudad Juarez (Messico), 17 lug. (Ap) - I narcotrafficanti messicani hanno usato per la prima volta un'autobomba azionata con un telefono cellulare in un attacco lanciato contro la polizia di Ciudad Juarez, la città al confine con il Texas, in cui sono rimaste uccise tre persone. Stando al racconto fatto all'Associated Press dal sindaco Jose Reyes, polizia e personale medico erano giunti sul posto dell'attentato dopo aver ricevuto una telefonata in cui si riferiva di uno scontro a fuoco. Al loro arrivo, una macchina parcheggiata è esplosa. Secondo le forze armate, sulla vettura c'erano 10 chilogrammi di esplosivo. Ciudad Juarez è da tempo il campo di battaglia dei cartelli di droga messicani che si contendono il controllo dei traffici diretti negli Stati Uniti. Secondo le autorità messicane, sono almeno 24.800 le persone rimaste uccise in questa guerra da quando, nel 2006, il Presidente Felipe Calderon ha lanciato un'offensiva militare contro i trafficanti. Ciudad Juarez è diventata una delle città più violente al mondo, con oltre 4.000 morti dall'inizio del 2009.

Sim

© riproduzione riservata